Featured Posts

Neil Young & Stray Gators - Tuscaloosa 1973

Archives Performance Series #04. Il nuovo live inedito è tratto dal tour 1973 con la formazione originale di Harvest. 11 canzoni acustiche ed elettriche, solari e oscure, a cavallo tra il successo e il dolore.

David Crosby - Here If You Listen

Quarto album in appena cinque anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y, accompagnato da numerosi ospiti, è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

domenica 28 gennaio 2018

The Oral History: Roxy 1973 (Tonight's The Night Live)


Neil Young: Nel 1973 scesi dal Nord verso Los Angeles sulla mia Buick Roadmaster "Black Queen" del 1947, in compagnia di Ben Keith. Una volta a LA, per la precisione a Hollywood, ci incontrammo con Billy Talbot e Ralph Molina. Si unì a noi anche Nils Lofgren e poi guidammo fino ai SIR (Studio Instruments Rentals sul Santa Monica Boulevard). Là incontrammo David Briggs, produttore, e Johnny Talbot, responsabile delle attrezzature. Avevano fatto un buco nel muro per installare la Green Board (uno vecchio banco da missaggio analogico che avevo acquistato e che era stato usato per registrare molte session storiche tra cui Pet Sounds dei Beach Boys e il Monterey Pop Festival) accanto alla sala prove. Il nostro registratore analogico a 16 tracce era stato posizionato lì vicino.
Avevamo perso da poco Danny Whitten e il nostro roadie Bruce Berry a causa di overdose di eroina, ci mancavano molto e li sentivamo nella musica ogni notte, quando suonavamo. Tonight's The Night fu una sorta di veglia funebre. Non ci furono sovraincisioni su quelle nove canzoni originali. Furono registrate dal vivo, senza alcuna sistemazione.
Briggs rimase sempre ai comandi del Green Board mentre suonavamo, a parte quando entrava nella stanza e ci diceva qualcosa. Per quasi un mese registrammo in questo modo, iniziando intorno alle 11 della sera e suonando fino alle prime ore del mattino. Talvolta c'era un piccolo pubblico. Una volta venne Mel Brooks insieme ad alcuni amici. Bevemmo parecchia Tequila e io scrissi le canzoni di Tonight's The Night in qualche momento, all'inizio. Avevamo nove canzoni e le suonammo due volte ogni notte, a lungo, fino a che non ci rendemmo conto di averle. Dopo le session, tutte le mattine saltavamo sulla Black Queen e tornavamo al Sunset Marquis per dormire, passando per il Santa Monica Boulevard, di ritorno dalla notte trascorsa a registrare. Ecco da dove abbiamo preso il nome "Santa Monica Flyers".
Un anno e mezzo dopo, più o meno, avevamo registrato Homegrown e Rick Danko venne a trovarci con alcuni amici al Chateau Marmont Hotel sul Sunset, a Hollywood, dove io alloggiavo. Gli facemmo ascoltare Homegrown. Rick disse che gli piaceva e a noi fece molto piacere. Fu una bella nottata. Fumammo e bevemmo e ce la spassammo.
Io dissi: "Ehi, Rick, vuoi ascoltare un altro album?"
"Certo," rispose, e io feci partire Tonight's The Night, le nove canzoni originali registrate al SIR. Rick rimase folgorato e noi pure! Mi sconvolse sentire quanto reale fosse il disco. Ben Keith e io lo adoravamo. Non lo avevamo più ascoltato da un po', dopo averlo fatto sentire ai miei amici alla Warner Bros. Loro erano preoccupati per via del fatto che era sconnesso, eravamo appena scampati a una bomba con Time Fades Away perciò avevamo accantonato Tonight's The Night.
Ora, dopo quell'ascolto al Chateau Marmont, per me era tornato in primo piano così nello studio del mio ranch, al Nord, aggiunsi "Borrowed Tune" (una canzone che avevo sritto all'inizio del tour di Time Fades Away chiedendomi se un tour nei grandi stadi fosse adatto a me), "Come On Baby Let's Go Downtown" (una canzone sull'eroina e sulla vita di un tossico) e "Lookout Joe" (che parlava di un veterano che ritorna negli States dopo la guerra del Vietnam). L'aggiunta di queste tre canzoni lo resero più simile a un disco normale, ed è così che poi l'ho pubblicato.
Torniamo ai SIR e alle sessioni originali. Finito di registrare, decidemmo di festeggiare con una serata in un nuovo club che stava aprendo sul Sunset Strip, il Roxy. Suonammo e registrammo lì per alcune notti, inaugurando il Roxy. Le conoscevamo davvero bene le canzoni di Tonight's The Night, dopo averle suonate per un mese, quindi le suonammo di nuovo tutte, dall'inizio alla fine dell'album, senza le tre aggiunte per il disco, per due set a serata per alcune serate. Fu un bellissimo momento.
Roxy - Tonight's The Night Live è la registrazione dal vivo che realizzammo allora. C'è anche un piccolo filmato in Super8 di noi in auto, sulla Black Queen, mentre andiamo al locale una di quelle sere.

Fonte: neilyoungarchives.com (2018)
Traduzione: MPB, Rockinfreeworld

Setlist originali Roxy Theater, LA, 20-22 settembre 1973

Per saperne di più su Tonight's The Night e il resto del tour 1973, leggete anche:
The Oral History: Tonight's The Night - parte 1 - parte 2