NEWS
.

David Crosby



David Crosby (Los Angeles, 14 agosto 1941) è stato, per molti versi, l'inventore dell'acid-rock, del raga-rock e dello space-rock, quando, spronato dal movimento hippie di San Francisco, spinge i Byrds ad abbandonare l'esuberante folk-rock degli esordi. Crosby, sempre meno in linea con l'ideologia di Roger McGuinn, viene scaricato dalla band nel 1968. Rifugiatosi per qualche tempo presso i Jefferson Airplane, raggiunge la fama dal 1969 con Crosby, Stills, Nash (& Young) contribuendo all'impresa con altre delizie psichedeliche ("Wooden Ships", "Almost Cut My Hair", "Deja Vù", "Triad"). Subito dopo i fasti del supergruppo, e in seguito alla morte della sua fidanzata Christine, Crosby entra in una fase critica ed incide il primo album solista, If I Could Only Remember My Name (1971, "Laughing", "Cowboy Movie", "Song With No Words"). Esso si pone come uno dei tre dischi con cui si chiude la grande stagione californiana dell'utopia, un disco a cui partecipa spiritualmente e materialmente tutta la comunità musicale della Bay Area.
Dopo il fortunato sodalizio con Nash, per tre dischi in studio splendidi (1972-76, con canzoni come "Bittersweet" e "Naked In The Rain") e l'altrettanto splendido album CSN (1977, "Shadow Captain"), la seconda metà dei '70 è per Crosby il periodo della discesa definitiva nell'inferno delle droghe pesanti, scandita da arresti, prolungate detenzioni in carcere e duri programmi di riabilitazione. Il suo secondo album solista, Might As Well Have A Good Time (1980), non viene pubblicato in quanto sopraggiungono altri problemi personali e una disputa con la casa discografica. Anche i vari tentativi di calcare i palchi come CSN naufragano in breve tempo: Crosby è incapace di concentrarsi sulla musica e ogni venti minuti deve andare nei camerini a farsi. Una serie di arresti legati a droga e detenzione illegale di armi gli aprono le porte del carcere, nella prima metà del 1986, dove cade in preda all'astinenza ma riesce, finalmente, ad abbandonare il vizio. La sua carriera riprende dapprima con un nuovo album di Crosby, Stills, Nash & Young (American Dream, 1988, che contiene "Compass") e, in seguito, il suo secondo album solista, il dignitoso Oh Yes I Can (1989, contenente "Tracks In The Dust"). Crosby vede la luce in fondo al tunnel, presentandosi in pubblico enormemente ingrassato ma riabilitato nello spirito. Thousand Roads (1993), è perlopiù una collezione di cover.


A un'ulteriore sfida, il trapianto di fegato (novembre 1994), segue la definitiva rinascita legata soprattutto all'incontro con il figlio naturale James Raymond, dato in adozione appena nato, nel 1962, e da allora mai più incontrato. Con James (tastierista) e con il chitarrista Jeff Pevar, Crosby inizia nel 1997 ad esibirsi in piccoli club sotto la sigla CPR, alternando il nuovo progetto alle incursioni discografiche e live che lo vedono di tanto in tanto riunirsi con i vecchi compagni. I CPR pubblicano due doppi live e due apprezzati album di studio, CPR (1998) e Just Like Gravity (2001). La band si spegne per difficoltà economiche, ma i componenti diventano subito la backing-band di CSN e di Crosby & Nash, i quali riprendono vita nel nuovo millennio, freschi di ispirazione ritrovata. Persino CSNY tornano insieme nel 2000 (dopo il disco di reunion Looking Forward), poi nel 2002 e infine nel 2006. I tour successivi di CSN, gli ultimi, fino al 2013, sono altalenanti e talvolta sospesa dai vari problemi cardiaci accusati da Crosby. Eppure, nonostante ciò, dei tre è probabilmente la figura che spicca maggiormente per la sua inesauribile energia e creatività.
Purtroppo il sodalizio con i vecchi compari si sgretola quando Crosby recrimina a Nash di aver pubblicato ricordi e aneddoti personali un po' troppo coloriti, relativi agli anni Settanta, sulla sua autobiografia Wild Tales. Poco dopo prende a male parole la nuova compagna di Young, Daryl Hannah, e ne ha anche per Stills e il suo vizio di fumare nonostante i problemi alla gola. Per i quattro non c'è più nessuna possibilità di riappacificarsi.
Ma per David Crosby è il principio di una rinascita creativa, le canzoni fluiscono stimolate dai sempre nuovi compagni di viaggio, in particolare il figlio James con cui collabora attivamente. Nel 2013, dopo una lunga gestazione, esce il suo nuovo album solista, Croz. Tra le canzoni migliori “What's Broken”, impreziosita dal fraseggio di Mark Knopfler, “Radio”, “Slice Of Time”. Nel 2014 Crosby promuove il nuovo disco dal vivo in un bellissimo tour solista con la band alle spalle; prima dell’estate subisce un intervento chirurgico al cuore, ma torna subito in pista. Il tour continua nella seconda parte dell'anno passando anche per l’Italia, dove ritira il premio Tenco. Tra il 2015 e il 2016 Crosby è ancora in tour con un repertorio acustico e alla fine del 2016 esce un nuovo album di inediti, Lighthouse, composti e incisi insieme a Michael League e Becca Stevens degli Snarky Puppy (tra i brani, "What Makes It So" e "Somebody Other Than You").


Instancabile, dà alle stampe nel 2017 un terzo album, questa volta più vicino a Croz come sonorità, intitolato Sky Trails e composto in collaborazione con altri musicisti (soprattutto James Raymond). Anche questo viene portato in tour dalla band ormai erede del progetto CPR. Nel 2018 esce Here If You Listen, album morbido e acustico arricchito da chitarre e armonie vocali, prodotto con i musicisti di Lighthouse. Nel 2019 viene rilasciato il documentario David Crosby: Remember My Name, prodotto da Cameron Crowe, uno squarcio intimo e malinconico sugli ultimi anni del cantautore.
Il suo ultimo disco studio, For Free, esce nel 2021, mentre l'anno dopo esce un live album con dvd allegato a testimonianza di uno degli ultimi tour, Live at the Capitol Theater. Nello stesso periodo il cantautore ottantunenne dichiara di ritirarsi in via definitiva dalle scene.
David ci lascia il 18 gennaio 2023, nella quiete della sua casa e circondato dalla sua famiglia.

Testo originale Salvatore Esposito
Revisione e aggiornamento di MPB


Se fai acquisti tramite i link sottostanti ci aiuterai a sostenere Rockinfreeworld.


Discografia di David Crosby (solista)
Tutte le canzoni sono scritte da Crosby tranne dove indicato.

(Clicca sulla copertina per acquistare)

ALBUM STUDIO

If I Could Only Remember My Name - 1971, Atlantic

1. Music Is Love (Crosby, Nash, Young) – 3:16
2. Cowboy Movie – 8:02
3. Tamalpais High (At About 3) – 3:29
4. Laughing – 5:20
5. What Are Their Names (Crosby, Garcia, Lesh, Shrieve, Young) – 4:09
6. Traction in the Rain – 3:40
7. Song With No Words (Tree With No Leaves) – 5:53
8. Orleans (traditional) – 1:56
9. I'd Swear There Was Somebody Here – 1:19

Special Edition 2006
10. Kids And Dogs - 7:01 (bonus track)

Disc 2 50th anniversary edition 2021
1. Riff 1 
2. Tamalpais High (At About 3) (demo) 
3. Kids and Dogs (demo) 
4. Games (demo) 
5. Laughing (demo) 
6. Song with No Words (Tree with No Leaves) (demo) 
7. The Wall Song (demo) 
8. Where Will I Be? (demo) 
9. Cowboy Movie (alternate version) 
10. Bach Mode (Pre-Critical Mass) 
11. Coast Road
12. Dancer 
13. Fugue

Altri musicisti:
Laura Allan: autoharp, cori
Jack Casady: basso
David Freiberg: cori
Jerry Garcia: chitarra, pedal steel, cori
Mickey Hart: batteria
Paul Kantner: cori
Jorma Kaukonen: chitarra
Bill Kreutzmann: batteria, tamburo
Phil Lesh: basso, cori
Joni Mitchell: cori
Graham Nash: chitarra, cori
Gregg Rolie: piano
Michael Shrieve: batteria
Grace Slick: cori
Neil Young: chitarra, basso, vibrafono, congas, cori

Billboard chart peak: #12


Oh Yes I Can - 1989, A&M Records

1. Drive My Car (Crosby) – 3:34
2. Melody (Crosby, Doerge) – 4:07
3. Monkey and the Underdog (Crosby, Doerge) – 4:15
4. In the Wide Ruin (Doerge, Henske) – 4:47
5. Tracks in the Dust (Crosby) – 4:48
6. Drop Down Mama (Crosby) – 3:07
7. Lady of the Harbor (Crosby, Doerge) – 3:19
8. Distances (Crosby) – 3:36
9. Flying Man (Crosby, Doerge) – 3:25
10. Oh Yes I Can (Crosby) – 5:08
11. My Country 'Tis of Thee (Traditional, arr. Hedges) – 1:58

Altri musicisti:
Joe Vitale: batteria (1,3,8), organo (3), synthesizer (10)
Leland Sklar: basso (1,2,4,7,9,10,11)
Craig Doerge: synthesizer (1), piano elettrico (2,4), piano (3,6,10), piano acustico (4), tastiere (7,9)
David Lindley: chitarra slide (1)
Danny Kortchmar: chitarra (1,3,8)
Russell Kunkel: batteria (2,4,7,9,10), percussionii (7)
Joe Lala: percussionii (2,8,9)
Steve Lukather: chitarra (2,4)
Kim Bullard: synthesizer (2,4,10)
George "Chocolate" Perry: basso (3,8)
Michael Finnigan: organo (3,6)
Jerry Hey: corno (3)
Lawrence L. Williams: corno (3)
Kim S. Hutchcroft: corno  (3)
Gary Grant: corno (3)
Jackson Browne: cori (4)
Michael Hedges: chitarra (5,11), cori (5)
Graham Nash: cori (5), piano elettrico (8)
Jim Keltner: batteria (6)
Tim Drummond: basso (6)
Dan Dugmore: chitarra slide (6)
Bonnie Raitt: cori (7)
Michael Landau: chitarra (7)
Kenny Kirkland: piano elettrico (8)
Larry Carlton: chitarra (9)
James Taylor: cori (10)

Billboard chart peak: #104


Thousand Roads - 1993, Atlantic

1. Hero (Phil Collins, Crosby) – 4:39
2. Too Young to Die (Jimmy Webb) – 5:45
3. Old Soldier (Marc Cohn) – 4:58
4. Through Your Hands (John Hiatt) – 4:33
5. Yvette in English (Joni Mitchell, Crosby) – 5:53
6. Thousand Roads (David Crosby) – 4:31
7. Columbus (Noel Brazil) – 4:26
8. Helpless Heart (Paul Brady) – 4:18
9. Coverage (Bonnie Hayes) – 3:22
10. Natalie (Stephen Bishop) – 4:55

Altri musicisti:
Pino Paladino: basso (1)
Phil Collins: batteria (1), percussioni (1), tastiere (1), voce (1)
Jeff Pevar: chitarra (1)
Leland Sklar: basso (2,3,4,5,8,9,10)
Jim Keltner: batteria (2)
Benmont Tench: tastiere (2)
Jimmy Webb: piano acustico (2)
Michael Landau: chitarra elettrica (2)
Bernie Leadon: chitarra elettrica (2,9), chitarra acustica (2,4,6,7,8)
Graham Nash: harmony (2,3), armonica (3)
Jackson Browne: harmony (2)
Marc Cohn: piano acustico (3)
John Leventhal: chitarra (3)
Jeff Porcaro: batteria (4,8)
Paulinho Da Costa: percussioni (4,8)
Craig Doerge: tastiere (4,8,9)
C.J. Vanston: tastiere (4,5,8,10)
Kipp Lennon: harmony (4,8,9,10)
Luis Conte: percussioni (5)
Dean Parks: chitarra (5,10), flauto (5)
David Watkins Clarke: basso (6,7)
Ethan Johns: batteria (6,7), percussioni (6,7), chitarra elettrica (6)
Andy Fairweather Low: chitarra elettrica (6,7)
Paul (Wix) Wickens: tastiere (7), fisarmonica (7)
Suzie Katayama, Larry Corbett, Daniel Smith: violoncello (8)
Armen Garabedian, Dimitrie Levici, Berj Garabedian, Ruth Johnson: violino (8)
Evan Wilson, Scott Haupert, Maria Newman: viola (8)
David Young: basso acustico (8)
Russell Kunkel: batteria (9,10)
Bonnie Hayes: tastiere (9)
Stephen Bishop: harmony (10)

Billboard chart peak: #133


Croz
- 2014, Blue Castle Records

1. What's Broken (Raymond) – 3:48 
2. Time I Have – 3:49 
3. Holding On to Nothing (Crosby, Price) – 3:41 
4. The Clearing (Raymond) – 4:00 
5. Radio (Crosby, Raymond) – 3:45 
6. Slice of Time (Crosby, Eaton, Raymond) – 4:16 
7. Set That Baggage Down (Crosby, Fontayne) – 4:01 
8. If She Called – 4:59
9. Dangerous Night (Crosby, Raymond) – 5:57 
10. Morning Falling (Crosby, Raymond) – 3:41 
11. Find a Heart (Crosby, Eaton, Raymond) – 5:06 

Altri musicisti:
Marcus Eaton: chitarra acustica, chitarra a 12 corde, chitarra elettrica, sitar elettrico, cori
James Raymond: pianoforte, Fender Rhodes, sintetizzatore, campionatore, cori
Shane Fontayne: basso, chitarra elettrica, percussionii, cori
Steve DiStanislao: batteria, percussionii
Steve Tavaglione: sassofono soprano, sintetizzatore, strumenti a fiato
Kevin McCormick: basso
Leland Sklar: basso
Todd Caldwell: Organo Hammond

Billboard chart peak: #36


Lighthouse - 2016, GroundUP Music

1. Things We Do for Love (Crosby, Michael League) - 4:15 
2. The Us Below (Crosby, League) - 3:41 
3. Drive Out to the Desert - 4:13
4. Look in Their Eyes (Crosby, League) - 4:37 
5. Somebody Other Than You (Crosby, League) - 4:23 
6. The City (Crosby, League) - 4:45 
7. Paint You a Picture (Crosby, Cohn) - 4:23 
8. What Makes It So - 4:00 
9. By the Light of Common Day (Crosby, Stevens) - 6:14 

Altri musicisti:
Michael League: cori, basso, chitarra acustica
Becca Stevens: cori
Cory Henry: organo
Bill Laurence: piano
Michelle Willis: cori

Billboard chart peak: #117


Sky Trails - 2017, BMG

1. She's Gotta Be Somewhere (Raymond) - 4:47
2. Sky Trails (Crosby, Stevens) - 4:51
3. Sell Me a Diamond (Crosby, Raymond) - 5:29
4. Before Tomorrow Falls on Love (Crosby, McDonald) - 3:52
5. Here It's Almost Sunset (Crosby, Agan) - 3:54
6. Capitol (Crosby, Raymond) - 6:58
7. Amelia (Mitchell) - 5:39
8. Somebody Home - 4:39
9. Curved Air (Crosby, Raymond) - 4:45
10. Home Free (Crosby, Raymond) - 5:41

Altri musicisti:
Mai Agan: basso, cori
Chris Bullock: sassofono
Jeff Coffin: flauto, sassofono
Jacob Collier: cori
Steve DiStanislao: batteria
Andrew Ford: basso
Walt Fowler: flicorno
Jay Jennings: flicorno
Bob Lanzetti: chitarra
Bill Laurance: piano
Michael League: basso
Greg Leisz: pedal steel
Mark Lettieri: chitarra
Shaun Martin: synthesizer
Chris McQueen: chitarra
Gary Novak: batteria
Dean Parks: chitarra
Jeff Pevar: chitarra
Steve Postell: chitarra
James Raymond: percussioni, piano, synthesizer, cori, vocoder
Justin Stanton: piano
Becca Stevens: chitarra, cori
Steve Tavaglione: flauto, sassofono


Here If You Listen - 2018, BMG

1. Glory (Willis, Crosby, Stevens, League) - 5:20
2. Vagrants of Venice (Stevens, Crosby, League, Willis) - 4:06
3. 1974 (Stevens, Crosby, Willis, League) - 3:00
4. Your Own Ride (Crosby, League, Laurance, Willis, Stevens) - 4:34
5. Buddha on a Hill (League, Crosby, Stevens, Willis) - 4:07
6. I Am No Artist (Clement, Stevens) - 3:19
7. 1967 (Willis, League, Stevens, Crosby) - 4:30
8. Balanced on a Pin (Crosby, Stevens, Willis, League) - 4:34
9. Other Half Rule (League, Stevens, Willis, Crosby)
10. Janet (Willis) - 3:27
11. Woodstock (Mitchell) - 3:34

Altri musicisti:
Michael League: voce, chitarra acustica, basso minimoog, basso elettrico, chitarra acustica a 12 corde, ARP Omni, chitarra elettrica, chitarra acustica baritono
Becca Stevens: voce, chitarra elettrica Hammertone, chitarra elettrica a 7 corde, ukulele, chitarra acustica, chitarra elettrica, charango
Michelle Willis: voce, Fender Rhodes, ARP Omni, organo basso Rhodes, piano elettrico Wurlitzer, piano acustico 
Bill Laurance: piano acustico


For Free - 2021, BMG

1. River Rise (Crosby, Raymond, McDonald) – 3:33 
2. I Think I (Crosby, Raymond, Postell) – 4:52 
3. The Other Side of Midnight (Raymond) – 3:14 
4. Rodriguez for a Night (Crosby, Fagen, Raymond) – 3:17 
5. Secret Dancer (Crosby, Raymond) – 3:14 
6. Ships in the Night – 3:25 
7. For Free (Mitchell) – 3:43 
8. Boxes (Raymond) – 4:14 
9. Shot at Me (Crosby, Parks) – 3:13 
10. I Won't Stay for Long (Raymond) – 4:29 

Altri musicisti:
James Raymond: piano acustico, synthesizer, chitarra synth, basso synth, Fender Rhodes, percussioni, corno, piano elettrico Wurlitzer, cori
Shawn Tubbs: chitarra
Steve Postell: chitarra, cori
Greg Leisz: pedal steel
Dean Parks: chitarra
Andrew Ford: basso
Elijah Thomson: basso
Gary Novak: batteria
Steve DiStanislao: batteria
Abe Laboriel Jr.: batteria
Steve Tavaglione: sax tenore, EWI 
Walt Fowler: tromba, flicorno 
Michael McDonald: cori 
Gracie Raymond: cori 
Becca Stevens: cori 
Michelle Willis: cori 
Sarah Jarosz: cori 


ALBUM LIVE

It's All Coming Back to Me Now...
- 1995, Atlantic

1. In My Dreams – 6:32
2. Rusty and Blue – 7:08
3. Hero (Collins, Crosby) – 4:57
4. Till It Shines on You – 5:39
5. Thousand Roads – 5:02
6. Cowboy Movie – 9:08
7. Almost Cut My Hair – 6:10
8. Déjà Vu – 10:18
9. Long Time Gone – 5:41
10. Wooden Ships (Crosby, Kantner, Stills) – 10:36

Altri musicisti:
Jeff Pevar: chitarra acustica ed elettrica
James "Hutch" Hutchinson: basso
Michael Finnigan: tastiere, cori
Jody Cortez: batteria
Kipp Lennon: cori
Graham Nash: chitarra acustica, armonica cori (8-10)
Chris Robinson: cori (7)


King Biscuit Flower Hour
- 1996, King Biscuit Records

1. Tracks in the Dust – 6:09
2. Guinnevere – 5:06
3. Compass – 4:22
4. In My Dreams – 4:42
5. Drive My Car – 3:50
6. Lady of the Harbor – 3:39
7. Oh Yes I Can – 5:44
8. Monkey and the Underdog – 4:22
9. Delta – 5:13
10. Déjà Vu – 7:48
11. Night Time for the Generals – 3:37
12. Wooden Ships – 8:03
13. Almost Cut My Hair – 5:16
14. Long Time Gone – 5:51

Altri musicisti:
Michael Finnigan: tastiere, cori
Dan Dugmore: chitarra
Jody Cortez: batteria
Davey Farragher: basso, cori

Nota: pubblicato anche con il titolo di From The Front Row e David Crosby Live, entrambi con tracklist più breve.


Live at the Capitol Theatre - 2022, BMG

1. The Us Below 
2. Things We Do For Love 
3. 1974 
4. Vagrants of Venice 
5. Regina 
6. Laughing 
7. What Are Their Names 
8. By The Light of Common Day 
9. Glory 
10. The City 
11. Look in Their Eyes 
12. Guinnevere 
13. Janet 
14. Carry Me 
15. Deja Vu 
16. Woodstock 

Altri musicisti:
Michael League: chitarra acustica, chitarra elettrica, basso, cori
Becca Stevens: chitarra acustica, chitarra elettrica, chitarra elettrica 7 corde, charango, cori
Michelle Willis: chitarra elettrica 12 corde, piano elettrico Fender Rhodes, tastiere, cori


BOX SET

Voyage - 2006, Rhino

Disc 1: Essential
1. Eight Miles High — The Byrds
2. Renaissance Fair — The Byrds
3. Everybody's Been Burned — The Byrds
4. Wooden Ships — Crosby, Stills & Nash
5. Guinnevere — Crosby, Stills & Nash
6. Long Time Gone — Crosby, Stills & Nash
7. Déjà Vu — Crosby, Stills, Nash & Young
8. Almost Cut My Hair — Crosby, Stills, Nash & Young
9. Tamalpais High (At About 3) — David Crosby
10. Laughing — David Crosby
11. Music Is Love — David Crosby
12. Song With No Words (Tree With No Leaves) — David Crosby
13. What Are Their Names? — David Crosby
14. I'd Swear There Was Somebody Here — David Crosby
15. Where Will I Be — Crosby & Nash
16. Page 43 — Crosby & Nash
17.Critical Mass — Crosby & Nash
18. Carry Me — Crosby & Nash
19. Bittersweet — Crosby & Nash
20. Naked In The Rain — Crosby & Nash
21. Dancer - Crosby & Nash

Disc 2: Essential
1. Shadow Captain — Crosby, Stills & Nash
2. In My Dreams — Crosby, Stills & Nash
3. Delta — Crosby, Stills & Nash
4. Compass — Crosby, Stills, Nash & Young
5. Tracks In The Dust — David Crosby
6. Arrows — Crosby, Stills & Nash
7. Hero — David Crosby
8. Yvette in English — David Crosby
9. Rusty and Blue — CPR
10. Somehow She Knew — CPR
11. Breathless — CPR
12. Map to Buried Treasure — CPR
13. At The Edge — CPR
14. Through Here Quite Often — Crosby & Nash
15. My Country 'Tis Of Thee — David Crosby

Disc 3 — Buried Treasure (tutti brani inediti)
1. Long Time Gone (Demo) — Crosby & Stills
2. Guinnevere (Alternate Mix) — David Crosby
3. Almost Cut My Hair (Demo) — David Crosby
4. Games (Demo) — David Crosby
5. Déjà Vu (Demo) — Crosby & Nash
6. Triad (Demo) — David Crosby
7. Cowboy Movie (Studio Version) — David Crosby
8. Kids and Dogs (Unissued Song) — David Crosby
9. Have You Seen The Stars Tonight? (Alternate Mix) — Paul Kantner/Jefferson Starship
10. The Lee Shore (Live) — Crosby & Nash
11. Traction in the Rain (Live) — Crosby & Nash
12. King of the Mountain (Demo) — David Crosby
13. Homeward Through The Haze (Alternate Mix) — Crosby, Stills, Nash & Young
14. Samurai (Studio Version) — David Crosby
15. Climber (Studio Version) — Crosby, Stills, Nash & Young
16. Dream For Him (Live) — Crosby, Stills, Nash & Young


Discografia dei CPR (Crosby, Pevar, Raymond)

STUDIO ALBUM

CPR - 1998, Sampson

1. Morrison (Crosby/Raymond) – 4:45
2. That House (Crosby/CPR) – 5:25
3. One for Every Moment (Raymond) – 3:59
4. At the Edge (Crosby/CPR) – 4:21
5. Somebody Else's Town (Crosby & Pevar/Raymond) – 5:15
6. Rusty and Blue (Crosby) – 7:35
7. Somehow She Knew (Crosby/Crosby & Doerge) – 7:05
8. Little Blind Fish (Crosby/Pevar) – 3:37
9. Yesterday's Child (Crosby & Raymond/Raymond) – 4:00
10. It's All Coming Back to Me Now (Pevar & Crosby/Pevar) – 3:50
11. Time Is the Final Currency (Crosby) – 5:18

Altri musicisti:
Jeff Pevar: cori, chitarra elettrica (1, 4-6, 9-11), chitarra acustica (2, 4, 8, 9), chitarra slide (2), chitarra classica (3), basso (4), Ebow (5), mandolino (7)
James Raymond: voce (3, 5, 9), cori (1, 2, 4, 6-8, 10, 11), piano (1-3, 4, 5, 7, 9), wedding ring (3), piano elettrico (5, 10, 11), piano acustico (6), organo (8, 10)
Leland Sklar: basso (1, 3, 5)
James "Hutch" Hutchinson: basso (2, 7, 9, 10), basso (6, 8, 11)
Russ Kunkel: batteria (2)
Steve DiStanislao: batteria (1, 4)
Luis Conte: percussioni (1-6)
Steve Tavaglione: sax soprano (3)
Curt Bisquera: batteria (5)
Debra Dobkin: percussioni (8)
Michael Bland: batteria (9, 10)


Just Like Gravity - 2001, Gold Circle Records

1. Map to Buried Treasure (David Crosby, Jan Crosby, Jeff Pevar, James Raymond, Andrew Ford, Steve DiStanislao) – 5:34
2. Breathless (Crosby, Crosby, Pevar, Raymond, Ford, DiStanislao) – 5:16
3. Darkness (Crosby, Pevar, Raymond) – 3:28
4. Gone Forever (Crosby, Pevar, Raymond) – 6:33
5. Eyes Too Blue (Raymond, Crosby) – 5:10
6. Jerusalem (Raymond) – 5:00
7. Kings Get Broken (Crosby) – 4:10
8. Angel Dream (Crosby, Nash, Raymond) – 6:41
9. Katie Did (Crosby, Jeff Pevar) – 4:02
10. Climber (Crosby) – 6:17
11. Coyote King (Crosby, Crosby, Pevar, Raymond, Ford, DiStanislao) – 5:10
12. Just Like Gravity (Crosby) – 3:49

Altri musicisti
Jeff Pevar: voce (1, 3-11), chitarra acustica (1-4, 9, 11), chitarra elettrica (1-4, 7-10), mandolino (5, 10), chitarra classica (5), chitarra elettrica 6 e 12 corde (6)
James Raymond: voce (1-11), piano (1-2, 4-5, 7-11), basso Moog (1), marimba (2), synths (2, 4), organo Hammond (3, 8, 9), percussioni (4), armonica (5, 6), chitarra acustica (6)
Steve DiStanislao: batteria (1-11), percussioni (5, 10, 11), cori (6, 8)
Andrew Ford: basso (2-5, 7-11)
Jamaica Rafael: violino pizzicato (2)
Leland Sklar: basso (6)
Steve Tavaglione: flauto (11)


ALBUM LIVE

Live at Cuesta College - 1998, Sampson

1. In My Dreams (Crosby) – 6:51
2. Tracks in the Dust (Crosby) – 5:48
3. Homewards Through the Haze (Crosby) – 6:21
4. Rusty & Blue (Crosby) – 9:50
5. Thousand Roads (Crosby) – 5:33
6. For Free (Mitchell) – 7:28
7. Morrison (Crosby, Raymond) – 6:54
8. Somehow She Knew (Crosby, Doerge) – 9:46
9. 'Til It Shines on You (Crosby) – 4:56
10. Time Is the Final Currency (Crosby) – 8:01
11. Where Will I Be/Page 43 (Crosby) – 6:06
12. Delta (Crosby) – 5:53
13. Déjà Vu (Crosby) – 12:13
14. One for Every Moment (Raymond) – 5:53
15. Guinnevere (Crosby) – 7:13
16. Wooden Ships (Crosby, Kantner, Stills) – 10:12

Altri musicisti:
Jeff Pevar: voce, chitarra acustica ed elettrica, chitarra lap steel
James Raymond: voce, tastiere


Live at the Wiltern - 1999, Sampson

Disc 1
1. Morrison (David Crosby, James Raymond) – 5:46
2. Little Blind Fish (Crosby, Jeff Pevar) – 4:40
3. One for Every Moment (James Raymond) – 5:46
4. That House (CPR, Crosby) – 6:25
5. Homeward Through the Haze (Crosby) – 6:43
6. At the Edge (CPR, Crosby) – 4:53
7. It's All Coming Back (Crosby, Pevar) – 4:32
8. Rusty and Blue (Crosby, Pevar) – 9:52
9. Delta (Crosby) – 8:06

Disc 2
1. Dream for Him (Crosby) – 6:43
2. Old Soldier (Marc Cohn) – 5:25
3. Hero (Phil Collins, Crosby) (CPR with Phil Collins & Graham Nash) – 6:09
4. Long Time Gone (Crosby) – 6:28
5. Déjà Vu (Crosby) – 12:57
6. Eight Miles High (Gene Clark, Crosby, Roger McGuinn) – 5:29
7. Ohio (Neil Young) – 6:24
8. Almost Cut My Hair (Crosby) (CPR with Graham Nash) – 7:23

Altri musicisti:
Stevie DiStanislao: batteria, percussioni, cori
Andrew Ford: basso
Jeff Pevar: chitarra solista, voci
James Raymond: tastiere, piano, voci
Graham Nash: voce
Marc Cohn: voce
Phil Collins: voce


BIBLIOGRAFIA

Long Time Gone
D. Crosby/C. Gottlieb
1998, Bantam Doubleday








Since Then: How I Survived Everything and Lived to Tell About It
 
D. Crosby/C. Gottlieb
2007, Berkley ed.








ALTRE LETTURE CONSIGLIATE
  • Marco Grompi, David Crosby: Ultimo eroe dell'Era dell'Acquario (2019)
  • Graham Nash, Wild Tales: La mia vita rock'n'roll (2014)
  • Marco Regali Nai, David Crosby: Tutti i testi 1961-2021 (2021)
  • Francesco Lucarelli, Crosby Stills & Nash: Music is Love (2022 - solo in inglese)
  • David Browne, Crosby, Stills, Nash and Young: The Wild, Definitive Saga of Rock's Greatest Supergroup (2019 - solo inglese)

Post popolari

Neil Young, il cuore di un hippie - L'intervista del L.A. Times su World Record e Harvest Time

Neil Young from Worst to Best: la classifica di Stereogum

Neil Young torna al Roxy: i concerti del 20 e 21 settembre 2023

Neil Young: Before & After (Reprise Records, 2023)

Chrome Dreams: recensioni internazionali