Featured Posts

Neil Young - Songs For Judy

Archives Performance Series #07. Il nuovo live inedito è tratto dai set acustici del tour 1976 e include 22 canzoni eseguite dal solo Neil alla chitarra e al pianoforte.

David Crosby - Here If You Listen

Quarto album in appena cinque anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y, accompagnato da numerosi ospiti, è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

lunedì 3 settembre 2018

The Oral History: Le Noise (2010)


Daniel Lanois: Mi ha chiamato e mi ha detto, “Potrei aver bisogno del tuo aiuto”. Ha detto, “Ho visto i tuoi film dei Black Dub su Youtube... mi sono piaciuti molti. Vorresti filmarmi e registrarmi mentre faccio 10 nuove canzoni?” Io ho sempre voluto fare un album con Neil Young. Ho detto di sì, assolutamente.
Direi che abbiamo fatto centro con questo sound di due amplificatori. Uno ha i bassi della chitarra, l'altro gli alti, e questo mi ha permesso di trattare ciascuno in modo diverso... Sonicamente siamo stati innovativi e motivati.
Gli dissi che sono sempre stato un po' imbarazzato a non far caso alle vacanze e alle domeniche, ho sempre lavorato senza fermarmi. Lui ha detto, “Oh, io sono fatto nello stesso modo. Non ti preoccupare. Sono solo riferimenti del tempo decisi da qualcun altro.”
Ho pensato fosse un bel modo di pensare. Fa sì che una persona forte capisca che l'immaginazione non dorme mai. Ti svegli una notte, hai un'idea... Siamo molto simili da quel punto di vista. Non operiamo secondo riferimenti temporali predeterminati. [3]
Sin da subito ho capito che le mie canzoni preferite, in questo progetto, avevano tutte un messaggio. E mi sono immaginato che lui fosse sceso dalla montagna con gli spartiti in mano. Quindi ho detto, Neil, il messaggio qual'è? […] Il mio incidente, gli amici perduti - penso che tutto questo sia finito nel disco. Fare musica non ti distacca dalla vita. Non voglio parlarne in toni mistici, ma con quello che è accaduto a Neil, è ovvio che ne sarebbe scaturito un album appassionato. [1]
Prima del suo arrivo, Mark Harwood e io abbiamo costruito questo sound acustico. Avevo una vecchia Guild di mogano comprata anni fa a New York. È adorabile e ho trovato il pickup giusto per lei, e avevo il mio microfono AKCG, che è costituito da due microfoni in uno... Così, automaticamente, avevo due sound acustici. [2]

Neil Young: Si è evoluto dall'essere da solo in acustico all'essere da solo in elettrico. […] Abbiamo provato e il sound era davvero interessante, forte e valido... Sono andato a casa e ho tirato fuori la mia Falcon bianca, e ho scritto una o due canzoni come quella e le ho portate e ci hanno fatto da apripista. [4]
Siamo nel mezzo di un grosso cambiamento, una svolta, anche se non so precisamente cos'è. Ma puoi sentirlo che c'è qualcosa che fila per il verso giusto. La gente ne ha avuto abbastanza. Non è possibile descrivere esattamente cosa sia, non lo sapremo ancora per un po'. […] [Su Le Noise] c'è uno che suona la chitarra e canta, tranne per il fatto che è stato smembrato e i pezzi sono stati rivoltati e ingigantiti o rimpiccioliti e rimessi insieme e mixati nel punto dove stavano originariamente. È come se gettassi all'aria tutti i pezzetti e ci saltassi intorno mentre scendono attorno a te. Ma la magia che ha messo in atto lui è stata nel scegliere i pezzetti con cui fare questa cosa. [...] Tutti associano l'acustico all'esecuzione in solo, ma una volta che abbiamo sentito il solo in elettrico, abbiamo iniziato ad associarlo... La ragione per cui sembra così originale è che ha un perimetro. È chiuso. È come un animale selvaggio in un recinto. Nessun altro animale può entrare, e lui non può uscire e unirsi agli altri. Quindi ti confronti con questa cosa: la chitarra elettrica. Non 10 chitarre più sovraincisioni; solo una performance di una chitarra. [...] Tutta questa tecnologia applicata da Dan è molto vecchia. E lui ha catturato tutte queste cose molto vecchie: gli strumenti stessi sono vecchi, io sono vecchio... […] Eccoci qui che andiamo avanti, e stiamo facendo un grande disco. Finalmente ho trovato un nuovo compare con cui mi sento molto bene e posso lavorare. […] Lui cattura la parte spirituale delle cose, la parte più ricca d'anima, non solo... la parte forte o leggera. Cattura lo spirito e lo accelera... Lo vedi più in grande e in dettaglio, pur restando parte della canzone senza uscirne. Ora può essere visto e percepito, ed è questo che ti colpisce. [1]
È come ha detto Schubert, non fabbrico la mia musica, la ricordo. Ricordo cosa devo fare. Da dove? Chi lo sa? Chi se ne importa? C'è e improvvisamente viene fuori. E la sola responsabilità è prendersene cura, essere abbastanza in forma da diffonderle ed esser certi di sapere cosa si sta facendo sufficientemente per cogliere il momento di agire. […] Ogni suono deriva dall'esecuzione. Ogni suono extra è tratto dall'esecuzione, manipolato e rimesso come un tassello delicato. È un lavoro geniale. [2]

Daniel Lanois: La transizione all'elettrico non è stata una mossa premeditata. Neil è stato capace di andarsene e scrivere qualche canzone in più, e penso che ci fosse una forza inconscia al lavoro che ha portato sul tavolo questo materiale. [4]
Ho pensato che in lui ci fosse qualcosa che ancora non era venuta fuori, a questo punto della sua vita. Molte delle canzoni con cui è arrivato erano buone, ma non credevo che rappresentassero veramente ciò che esiste in lui proprio adesso. Quindi ho cercato gentilmente di spiegargli la cosa, di metterlo in un'ottica nuova che esprimesse quello che sta attraversando. Non è tra le mie competenze entrare nello specifico in queste cose, sono andato al suo ranch e ho conosciuto i suoi figli, so che è un uomo di spirito che coglie sempre la canzone giusta. Ma non volevo accettare una bella canzone se non rappresentava quello che emotivamente lui stava attraversando. E ho visto che era molto presto dal lavoro di preparazione per decidere come lavorare, così abbiamo finito il progetto a casa mia. La casa è subito diventata un ruggito, ha iniziato a riverberare come un enorme amplificatore, più era alto il volume e più lui si trovava bene. Le stanze sono diventate un'estensione del sound, in modo molto semplice con una persona, la chitarra e due amplificatori. Faceva l'effetto valanga, se davi un colpo diventava sempre più grande e grande scendendo per la casa, e la grandezza ti travolge prima che te ne accorgi e quindi la catturi. Il mio vicino mi chiese “c'è Neil Young lì?” Il sound era altissimo. Abbiamo passato quattro lune piene, cioè il giorno della luna piena, i due giorni prima e quello dopo. In quel periodo Neil ha scritto le canzoni più belle.
Abbiamo fatto le cose in modo diverso, senza usare le cuffie, in modo che Neil potesse sentirsi come sul palco. La cosa peggiore che un musicista può fare è coprirsi le orecchie e la testa. Con il nostro sistema, con gli amplificatori alzati, il sound era pieno, brillante, l'intera casa riverberava e si ottiene quello che succede dal vivo. Ho un organo le cui canne sono installate in tutta l'altezza della casa, sotto a dove si suona. Come un organo da chiesa, il sound saliva dalle grate nelle pareti. Quando Neil cantava lì, al centro della stanza, non avevamo la sua voce che usciva da un paio di casse, ma dall'intero corridoio. Parte del successo di questo progetto è proprio dovuto al fatto che abbiamo tirato fuori la stessa grande vibrazione che lui produce dal vivo.
Io volevo costruire un sound per il futuro, senza rifarmi ai modelli del passato. Tra quelli che ho fatto, probabilmente questo è il disco in cui emergono più i miei suoni. Talvolta ti chiedi cosa stai ascoltando... è come se avessi chiamato a far parte della registrazione tutta la troupe di un film. Intendo dire che abbiamo cercato di creare immagini con il suono, così da fornire l'esperienza, per esempio, del vento o di una geometria o di una notte stellata. Non dovrebbe essere limitato alla descrizione testuale e Neil mi ha gentilmente incoraggiato ad incrementare con i suoni le  descrizioni dei paesaggi che costruiva con i testi.
Ogni canzone ha un messaggio nella sua maestosità e nel suo significato, e mi sono sentito come da bambino quando entravo a teatro. Ho pensato, ecco l'uomo con cui voglio lavorare. Siamo arrivati al punto focale in cui convergono i nostri anni di esperienza.
Il primo accordo che si sente nel disco di Neil non è proprio il primo. È stato fatto durante una canzone quando aveva la piena potenza delle corde. Ho deciso di fare iniziare la canzone da metà e di costruirla. La canzone è “Walk With Me”. Quando Neil la portò, capii che era una sorta di premonizione. Gli ho detto, “ecco cosa ne ho tratto”. Ci siamo imbarcati in tutto questo perché amiamo quello che altri anno fatto, amiamo il rock 'n' roll. Il rock promette un messaggio, ci fa capire cosa succedeva in un certo mondo. Sentivo che l'amore di Neil era incondizionato. Quindi dov'è il messaggio? “Walk With Me”, camminiamo insieme, perché dovevamo farlo entrambi, io da solo non potevo. [5] 

Frank Sampedro: [Le Noise] era un disco bizzarro, vero? Doveva essere il nostro disco, ma guarda cos'è successo. Ci siamo riuniti prima che [Neil] facesse quel disco. Abbiamo suonato alcune di quelle canzoni a casa di Ralph, le abbiamo fatte due o tre volte, e poi lui ha mollato. Penso sia stato perché aveva tutto ciò che voleva registrare e la sentiva una cosa urgente, e alla band occorreva troppo tempo per decollare – io lavoravo ancora per il Tonight Show. […] Quindi lui è andato avanti senza di noi. Ma avremmo potuto uccidere “Love And War”, amico. È buffo perché quando sono andato via dal ranch, la settimana scorsa, eravamo fuori casa a cantare proprio quella, e io l'ho guardato e ho detto: “oh, sì, potevamo farla. Non dobbiamo esercitarci, dobbiamo solo seguirla.” Neil può cambiare idea 200 volte e poi tornare indietro. Ho avuto i miei incubi. Ho avuto il cuore spezzato un paio di volte da Neil, ed è qualcosa che devi semplicemente imparare riguardo a lui. Non lo fa intenzionalmente; è preso da ciò che gli passa per la testa. [7]

Young: Non potrò mai più fare, con una band, circa il 70% del mio repertorio. Non ha senso cercare di rifare quello che è già stato grande. Non ci si ricava niente. Non faccio così. Sono grato di aver conosciuto Ben e di aver suonato con lui per 40 anni. È stato uno dei miei migliori amici e mi manca terribilmente. Non mi vedo suonare quelle canzoni con una band, in futuro. Posso suonarle da solo, ma non più con una band. Proprio non potrei riuscirci. Non conosco nessuno che possa fare quello che faceva lui. Per una parte della mia vita si è chiusa la porta, e si è aperto allo stesso tempo un enorme spazio per essere creativo in futuro. [6] 

“Love And War”
Young:
La canzone dice “Quando canto di amore e guerra/non so proprio cosa sto dicendo”. E penso che questo dica tutto. Perché sono argomenti molto profondi. Non puoi sapere cosa significhino per le altre persone. Per qualcuno la guerra potrebbe essere giustificata e avere buone ragioni d'esistere, e per qualcun altro essere una cosa terribile che non dovrebbe mai accadere. E un'altra persona penserà di aver perso sua sorella, o suo fratello, o sua madre in guerra, e che è una cosa inutile. E un'altra persona penserà l'esatto opposto: che suo fratello ha dato la vita per il paese, andando in guerra. Quindi non si può veramente avere un'opinione, nonostante io abbia diverse opinioni, ne ho avute e ne ho fatto delle dichiarazioni piuttosto esplicite. Ma è così che mi sentivo all'epoca. Quando registrai Living With War ero davvero pieno di rabbia verso certe cose che stavano accadendo a quel tempo. Ma, di nuovo, non avevo più ragione di altre persone che ci credevano. Come puoi saperlo? Come puoi sapere tutte le ragioni, ogni dettaglio di ciò che succede? Semplicemente a me la guerra non piace. Non sono proprio un fan della guerra. E l'amore può essere sia molto pericoloso che molto buono. Quindi proprio non sai dove andrai a parare con queste cose. E ho voluto dire questo – il dilemma di non sapere cosa fare di ciascuna di queste cose. È più o meno il punto di vista dell'inutilità. [8]


Fonti
[1] Los Angeles Times 2010
[2] web 2010
[3] NY Times 2010
[4] Billboard.com 2010
[5] Youtube 2010
[6] Chicagotribune.com 2010
[7] Uncut 2012
[8] npr.org 2012