Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young - Carnegie Hall 1970

Come prima uscita della Official Bootleg Series è stata scelta una serata storica: la lunga, intima esibizione acustica alla Carnegie Hall il 4 dicembre 1970.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

giovedì 24 settembre 2015

The Oral History: Unplugged / Lucky Thirteen / Philadelphia, 1993-94


A proposito di MTV Unplugged (1993)

Joel Bernstein: [Il feeling di Neil] era morente. Il secondo giorno provarono a fare una delle canzoni, e Neil impazzì perché tutti quanti sbagliavano. Cominciò a urlare, “Non posso crederci cazzo! Non vi ricordate niente di quello che abbiamo fatto ieri!” [1]

Elliot Roberts: Già alla seconda canzone le cose andavano così, “Questa band è totalmente incapace di supportarmi, la musica ora è fasulla e forzata. Ora sono Neil Diamond e non posso credere che ho permesso che accadesse questo – fanculo a Elliot.” […] Era stata una di quelle cose che lo costrinsi a fare. [1]

A proposito di Lucky Thirteen (1993)

Young: [Nel 1987] le cose andavano di merda con la casa discografica […], mi fecero causa perché facevo la musica che volevo io, dicendo che era “non tipica di Neil Young”. […] Ero nel mio studio al ranch a riascoltare i nastri del club tour [dei Bluenotes] per mettere insieme un album intitolato Bluenote Cafè. Avevo appena fumato uno spinello bello grosso ed ero pronto a riascoltare tutti i pezzi di quei concerti, quando Elliot [Roberts] mi chiamò. Disse che la casa discografica aveva lasciato cadere la causa contro di me! […] Tutto ciò che volevano era un “best of” del mio periodo con loro. […] Erano tredici canzoni. Lo intitolai Lucky Thirteen. [2]


A proposito di “Philadelphia” (singolo, 1994)

Young: Sapevo che non sarebbe stato facile. A dirti la verità la canzone ce l'ho in testa da un po' di tempo dal punto di vista musicale. È difficile da suonare e va fatta lenta. “Philadelphia” mi sembra legata a “Will To Love”. Le cose entrano ed escono – appaiono e se ne sono già andate, come l'ombra di una batteria, un cimbalo... [1]

Fonti:
[1] J. McDonough, “Shakey”
[2] Neil Young, “Special Deluxe”