Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young + Promise Of The Real - Noise & Flowers

Antologia di 14 brani live tratti dal tour 2019 insieme alla band dei figli di Willie Nelson, dedicato alla memoria dello scomparso Elliot Roberts, manager di una vita.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

mercoledì 6 novembre 2019

Colorado: recensioni internazionali


Colorado dimostra che Young, 73 anni, non ha perso neanche un briciolo della sua grinta e della sua passione... Colorado dice così tanto, e in modo così bello, che è valsa l'attesa.
The Indipendent
Voto 10

Colorado ribadisce la promessa di Young che la ruggine non dorme mai, anzi pare che migliori invecchiando.
Exclaim
Voto 9

Neil Young & Crazy Horse hanno rinnovato il loro legame musicale durante una manciata di spettacoli improvvisati nel 2018 e poi si sono ritirati sulle Montagne Rocciose per registrare Colorado. È un lavoro altrettanto spontaneo, anche se troppo informale in certi punti, che tuttavia cattura tutta la chimica che c'è tra questi bravi musicisti.
Glide Magazine
Voto 8

Oltre 50 anni dopo, i riff sporchi e le morbide armonie sono intatti e i testi ancora sentiti.
Rolling Stone
Voto 8

Il leggendario songwriter potrebbe facilmente riproporre vecchie canzoni e suonarle su strade sicure, invece ha scritto un album pieno di canzoni accattivanti, con graffianti riff che parlano della speranza per il futuro anziché soffermarsi sul passato.
Clash Music
Voto 8

Non più in fuga, Madre Natura sta "spingendo la Terra in una carrozzina". Questo tema, che ricorre spesso nell'opera di Young, riecheggia nel feroce guaito di "Shut It Down" e nella più cupa "Green Is Blue".
Classic Rock Magazine
Voto 8

Se Psychedelic Pill era tra i suoi viaggi più lunghi e più strani, Colorado ha un fascino più rustico, alla Prairie Wind o Harvest Moon, ma potenziato dalle chitarre.
Uncut
Voto 8

Young offre canzoni ruvide e dirette sullo stato dell'ambiente, leggermente edulcorate dalle ballad sognanti per la sua terza moglie, Daryl Hannah (la star di Splash è descritta come "una sirena nella via Lattea"), cantate in un tenero e tremolante falsetto.
The Telegraph
Voto 8

Questa volta c'è sicuramente più attenzione: solo l'ecologica "She Showed Me Love" si dilunga oltre i minuti crogiolandosi nello spazio che ha a disposizione.
The Observer
Voto 8

Colorado è più concentrato rispetto a Psychedelic Pill, e lo si sente soprattutto nelle armonizzazioni vocali.
Mojo
Voto 8

Certo non è implacabile come The Monsanto Years del 2015 [...] ma il suo impegno per trovare un modo migliore di fare le cose impregna ognuna delle dieci canzoni dell'album.
New Musical Express
Voto 8

Su pezzi come "Olden Days" e "Rainbow of Colors", le melodie folk di base di Young sono rese più grintose e pesanti dalla band.
Pitchfork
Voto 7.4

In un momento in cui un grande album di Neil Young sarebbe stato più che benvenuto, Colorado è un album buono, ma si dimostra il lavoro di un grande artista e questo è più di quanto si possa dire delle ultime proposte che Young ci ha fatto.
Allmusic
Voto 7

Il risultato finale è un altro album di Neil Young da aggiungere alla pila dei "passabili" e dei "non male" che ha accumulato nell'ultimo decennio, mentre il flusso costante di pubblicazioni d'archivio evidenzia le potenzialità che Neil Young è in grado di raggiungere quando è al suo meglio: bravo quanto qualunque altro artista nella storia del rock, e sicuramente meglio di così.
The Guardian
Voto 6

I suoi apici - gli assoli vintage dei Crazy Horse, una manciata di ballad deliziosamente intime - vengono guastati dagli stessi problemi che caratterizzano il recente lavoro solista di Young, in particolare voci stonate e la tendenza a un goffo lamento ambientalista, simile a quello di un vecchio zio brontolone.
Slant Magazine
Voto 6

Non si può accusare Young di non indossare tutti i distintivi, le bandiere e gli emblemi appropriati, ma il messaggio si è fin troppo logorato nel corso degli anni. Fortunatamente, i Crazy Horse sono affidabili come sempre, anche se non dimostrano nessuna nuova idea.
Under The Radar
Voto 6

Più che i classici del passato di Neil Young & Crazy Horse, Colorado ricorda l'ultimo album di Young, The Visitor del 2017. Come quello, Colorado è un'opera politicamente carica e disomogenea che nei suoi momenti migliori si avvicina abbastanza alle glorie passate di Young per soddisfare i suoi fan irriducibili. E se non vi piace? Beh, probabilmente ce ne sarà un altro l'anno prossimo.
Boston Globe
Voto 6

Fonte: Metacritic