Featured Posts

Neil Young Archives Vol.2 1972-1976

11 anni dopo il primo volume, Neil Young riapre i suoi archivi: 10 dischi, di cui 7 inediti, con le session (quasi) complete di Tonight's The Night, Zuma, Homefires, la Stills-Young Band, il primo tentativo di Time Fades Away in studio e altro ancora. Nei negozi da marzo!

CSNY - Déjà Vu 50th anniversary

Quadruplo box set per festeggiare il mezzo secolo di questo celeberrimo album, con tre dischi di demo, outtakes e versioni alternative, in gran parte inedite.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Carnegie Hall 1970

Come prima uscita della Official Bootleg Series è stata scelta una serata storica: la lunga, intima esibizione acustica alla Carnegie Hall il 4 dicembre 1970.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 30 marzo 2021

Neil Young: Young Shakespeare (Reprise Records, 2021)


1. Tell Me Why
2. Old Man
3. The Needle and the Damage Done
4. Ohio
5. Cowgirl in the Sand
6. A Man Needs a Maid
7. Heart of Gold
8. Dance Dance Dance
9. Helpless
10. Don't Let It Bring You Down
11. Down by the River
12. Sugar Mountain


Registrato allo Shakespeare Theater di Straford il 22 gennaio 1971.


Rassegna stampa italiana e internazionale

L’album - e il relativo film in DVD presente nell’edizione extra comprendente anche LP e CD - è dunque il resoconto di uno show asciutto e disadorno, messo in scena senza il supporto di alcuna band, con le ombre lunghe a riempire i vuoti della chitarra acustica, del pianoforte e di una voce piena di fragilità. Neil resta per gran parte della performance ricurvo sul proprio strumento, seduto e avvolto da una cornice minimale come la musica che va proponendo.
Voto **** (su 5)

Un concerto sorprendente.
Voto 9

Young Shakespeare è un documento affascinante. Prima di "Sugar Mountain" [Neil] dice di avere 25 anni. Immaginare di avere 25 anni, sapere di avere un nuovo album pronto a uscire e stuzzicare il pubblico con qualche anteprima. Davvero sbalorditivo. Un'altra uscita impeccabile che vede Young scavare tra le sue registrazioni dal vivo per pubblicare dischi interessanti.
Voto 9

Una parte di quello che emerge da questa marea di pubblicazioni d'archivio è essenziale (come l'album inedito del 1974 Homegrown, pubblicato a giugno 2020), alcune cose sono imperdibili anche per i fan di livello medio (Rust Bucket), mentre altre sono solo per fanatici irriducibili (Return to Greendale) [...]. Young Shakespeare appartiene alla seconda categoria, quella media, ed è comunque gratificante.
Voto 8

Nessuna canzone è tirata per le lunghe, qui. Di conseguenza l'inclusione di cavalli di battaglia come "Cowgirl In The Sand" e "Down By The River" è ancora più sorprendente. Ma entrambe le tracce (...) traggono giovamento dalla natura solitaria e cruda delle interpretazioni, così come, in misura ancora maggiore, "Helpless", il contributo di Neil a Deja Vu.
Voto 8

Young Shakespeare è l'ultima gemma venuta alla luce dalla sua cassaforte: una registrazione dal vivo, incontaminata, di Young nella sua essenza più semplice e pura: solo voce, chitarra acustica e armonica (e occasionalmente il piano), registrate nel suo Journey Through The Past tour solista all'inizio del 1971. È affascinante.
Voto 8

Questa esibizione è più modesta che monumentale, e la piccola scala di per sé è affascinante.
Voto 7