Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Colorado

Il ritorno del Cavallo tra le nevi del Colorado. L'ultimo album mescola il grunge di protesta alle ballad intimistiche, regalando momenti di puro incanto.

Neil Young & Stray Gators - Tuscaloosa 1973

Il nuovo live d'archivio è tratto dal tour 1973 con la formazione originale di Harvest. 11 canzoni acustiche ed elettriche, solari e oscure, a cavallo tra il successo e il dolore.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

lunedì 16 dicembre 2019

Neil, i Crazy Horse e Colorado: intervista a Nils Lofgren


Neil ha slittato la possibilità di date dal vivo con i Crazy Horse al 2020 dicendo che vuole concentrarsi sui suoi film per il resto del 2019. Bruce Springsteen ha dichiarato che tornerà in sella nel 2020 con la E Street Band. […] Come ci si sente a essere qualcuno che lavora a fianco di due cantautori e bandleader di questo calibro?
Ci sono grandi somiglianze tra Springsteen e Neil in quanto nessuno dei due gestisce al dettaglio quello che si suona. Vogliono entrambi ascoltare le tue idee. Quando ci sei dentro ti permettono di provare emozioni vere nel tuo lavoro. Lo preferiscono. Questa è una cosa bellissima. […]

Hai lavorato varie volte con Neil o i Crazy Horse, dal disco che la band ha fatto senza di lui nel 1971, così come nei suoi album After The Gold Rush (1970) e Tonight’s The Night (1975). Hai trovato che le dinamiche sono cambiate lavorando a Colorado?
Ho incontrato Neil quando avevo 17 anni. In realtà l'ho incontrato 50 anni esatti fa lo scorso maggio mentre suonava alla Cellar Door (a Washington) quando era in tournée con Everybody Knows This Is Nowhere. La mia band, i Grin, era diretta a Los Angeles, e mantenendo la parola, quando siamo arrivati Neil mi ha portato dal (produttore) David Briggs, che mi ha preso sotto la sua ala, e quando ho compiuto 19 anni mi ha fatto partecipare a After The Gold Rush. Questo è stato un grande affare. Ora, molto prima che io arrivassi i Crazy Horse avevano in progetto di creare il loro album senza Neil, con il loro cantante Danny Whitten. Mi invitarono a unirmi a quell'album, che è stato un altro grande onore. Poi purtroppo Danny è morto e questo ci ha condotto a quella “veglia funebre” che è Tonight’s the Night. Più tardi (negli anni '80), ho fatto l'album "Trans" di Neil e sono andato in tournée con lui. Abbiamo questo rapporto che, a parte le mie cose soliste e con i Grin, è la mia relazione musicale più lunga - la mia famiglia musicale di più lunga data.

Avere Neil che ti chiama di punto in bianco è come avere un fratello che ti chiama per un favore?
Mi ha chiesto di fare un salto, così a freddo, per cinque concerti (in California) per commemorare Tonight’s The Night (nel 2018). Poi abbiamo fatto alcuni spettacoli a Winnipeg. È stata una gioia vedere insieme Neil, Billy e Ralphie. Sarei salito sul cavallo e poi sarei caduto giù. Quella sera a Winnipeg è stata una grande, selvaggia cavalcata. Il cavallo non mi ha mai sbalzato. [Ride.] Sono stato in sella tutta la notte.

Ha funzionato da catalizzatore per le cose successive?
Neil ha detto che aveva iniziato a scrivere qualcosa per noi. Mi ha telefonato e mi ha detto che aveva queste canzoni per noi, chiedendomi se potevo andare a Telluride due settimane per iniziare a registrare un disco prima dell’inizio della tournée solista. Mi hai chiesto dei dischi precedenti. Ti dirò che allora c'erano degli estremi. Tonight’s The Night, ad esempio. Danny Whitten, Jimi Hendrix, Janis Joplin... tante persone erano morte. Era un disco oscuro ma curativo, che trattava tutte queste morti. Ci sedevamo in studio, bevevamo tequila, fumavamo una o due canne. Non iniziavamo nemmeno a suonare prima di mezzanotte, poi andavamo avanti fino all'alba. Eravamo più giovani. C'era molto dramma, e non solo per via dei nostri amici ed eroi che morivano. Era l'intero clima dei diritti civili e del Vietnam. Succedevano molte cose pesanti.

Qualcosa di simile sembra esserci anche nel 2019.
Avanti veloce ai giorni nostri, e siamo tutti molto stagionati. C'è esperienza e una certa fiducia. C'è anche pace. Billy è rimasto bloccato in una bufera di neve ed era in ritardo di un paio di giorni. Quindi abbiamo avuto la possibilità di fare un po’ di sci. Mia moglie Amy è una grande sciatrice. Andavamo in giro, era il cambio di stagione e Telluride era vuota, una vera città fantasma. Moltissimi cani che correvano in giro e venivano da noi. Cenavamo con Neil e Daryl (Hannah), è stato bello vedere Neil così felice, come se avesse trovato un'anima gemella. Sembrava così concentrato mentre si approcciava a questo disco, così vicino a casa sua tra le montagne del Colorado. Penso che ci fosse una pace e una centralità che tutti noi avevamo e portavamo in Colorado, che non avevamo in Tonight's The Night. Il fatto che possiamo farlo 50 anni dopo non ha prezzo.
C'è una canzone nell'album, "I Do" ... Cantiamo "Grazie per aver fatto di nuovo tutto questo. Lo faremo proprio come facevamo allora." È lui che parla di quello di cui sto parlando ora. Riuscite a crederci? Siamo ancora in piedi dopo tutti questi anni e stiamo creando qualcosa di nuovo. Ralphie è divertente. Siamo rimasti buoni amici. E continuava a dire a Neil che dovevamo fare qualcosa di nuovo. Però non puoi forzare nulla. Fortunatamente siamo tutti qui, entusiasti di avere una band. Abbiamo anche avuto qualche problema tecnico.

Come si vede in Mountaintop, il documentario-verità sull'album.
Registrare presenta sempre delle sfide. Forse qualcuno non aveva abbastanza ossigeno quel giorno. Però siamo usciti dallo studio con queste demo sapendo che avevamo le canzoni e il cantante. Qualunque ostacolo ci fosse sulla strada, saremmo stati pazienti e avremmo registrato quelle cose. È stato bellissimo.

C'è stato un brano particolarmente difficile durante le sessions di Colorado?
Mi viene in mente "Olden Days". Avevamo una demo molto rozza di Neil fatta in casa con un piccolo microfono e una chitarra acustica. Riflettendo sulla demo, Neil ha mantenuto l’acustica e io gli ho detto che ci sentivo una fisarmonica. Mentre procedevamo, Neil è uscito dalla cabina. Stava pensando. Ha detto: "Prima di farla in modo standard, chitarra acustica e fisarmonica, sulla falsariga di "Harvest Moon", vediamo cosa succede con un sound elettrico più pesante. Evitiamo gli effetti, mettiamo la chitarra cruda nell'amplificatore senza nient'altro". Ora, sarebbe stato bello se lo avessimo fatto nel primo modo. Ralphie avrebbe usato i pennelli. Non appena abbiamo acceso le elettriche, però, ci siamo resi conto che sarebbe stato un vero album dei Crazy Horse.
C'è un messaggio su "Rainbow of Colors" che è davvero celebrativo. Sto aspettando che uno dei candidati ci salti sopra. C'è "Green is Blue", che vede me all'elettrica e lui al piano, ma con delicatezza. Se uno di noi doveva passare all'acustica, lo faceva. Ogni volta che potevamo, però, avremmo mantenuto le chitarre elettriche approcciando tutto con il tocco più tipico dei Crazy Horse.

Qual è stata la prima traccia che avete registrato per Colorado?
Stavamo cenando con Neil e Daryl, parlando delle demo e della canzone "Eternity" e del "clickety-clack", così io ho iniziato a ballare il tip tap in salotto. Dieci anni fa mi sono operato a entrambi i fianchi. Troppa pallacanestro, troppe piroette sul trampolino. Ho iniziato a ballare il tip tap. Neil pensava che fosse una cosa carina, quindi due giorni dopo ci siamo sistemati in studio e Neil ha detto: "Inizieremo con “Eternity”, e Nils ci farà ballare un po'". Come se fossero percussioni. È stato divertente. Neil suonava dal vivo, e il resto di noi suonava sulle tracce di piano e voce.
Prima di iniziare, Neil ci ha avvertito che aveva due o tre tracce dal vivo prese da concerti acustici, delle quali amava la voce e non voleva assolutamente cambiarla. Quindi ci ha fatto suonare tutti dal vivo sopra quelle. Eravamo tutti in studio, con le cuffie, a suonare dal vivo sopra la sua voce. Penso che questo abbia dato il tono. È emotivo e grezzo. Quando Neil ci ha inviato le demo, ha detto: "Non pensarci troppo". Voleva che ci familiarizzassimo con i cambi, ma senza creare le parti a tavolino. “Aspettiamo e vediamo cosa succede quando iniziamo a sentirci l'un l'altro”. Questo è sempre un ottimo modo di fare le cose con Neil. Tempo e programma permettendo, Neil, io e i Crazy Horse usciremo per suonare un po’ di tutto questo dal vivo.

[…] Come reagisci ai testi in qualità di musicista e compositore? Nel caso di Neil, ad esempio, esegui ciò che lui ha scritto? In che modo suonano i testi?
In primo luogo rispondo al cantato e al suono della voce. Nel caso di Colorado avevo delle semplici demo di Neil e capivo la maggior parte dei testi. Una volta che ci siamo riuniti in studio, ho preso il foglio dei testi e ho iniziato rapidamente a leggerli, in modo da non avere sorprese. Quindi suono seguendo la voce e la melodia, ma devo sapere cosa stanno dicendo. O meglio, non "devo", ma è d’aiuto farsi un'idea delle parole scritte, in modo che quando sto elaborando anche quelle facciano parte del processo. C'è anche l'istinto. A volte vuoi allontanarti da quello che dice il testo. […]

Traduzione: MPB, Rockinfreeworld