Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Barn

Il Cavallo di nuovo nel fienile a due anni da Colorado. Il nuovo album contiene 10 nuove canzoni incise sulle Rocky Mountains e filmate da Daryl Hannah.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

CSNY - Déjà Vu 50th anniversary

Quadruplo box set per festeggiare il mezzo secolo di questo celeberrimo album, con tre dischi di demo, outtakes e versioni alternative, in gran parte inedite.

Neil Young - Carnegie Hall 1970

Come prima uscita della Official Bootleg Series è stata scelta una serata storica: la lunga, intima esibizione acustica alla Carnegie Hall il 4 dicembre 1970.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 21 dicembre 2021

Barn: rassegna stampa italiana


[...] Da un lato canzoni semi acustiche sul modello di Harvest, come "They might be lost" o "Song of the season", che riprende il tema di "Mother nature", da sempre al centro della sua musica. Dall'altro rock blues più sporchi, come "Canerican", dove il didascalismo lo porta a raccontare la sua recente acquisizione della cittadinanza americana [...]. Un disco con alti e bassi, disarmante nella sua semplicità, con un capolavoro: "Welcome back" una piccola "Cortez the killer", ma meno rabbiosa, più delicata e malinconica. [...]
Voto: 7 (su 10)

[...] Barn è un buon disco, non automatico, non “di mestiere”. Ha un suo senso, si inserisce bene in un percorso che da tempo ha imboccato la fase discendente ma senza alcuna intenzione di indicare la data di scadenza (una bella lezione di vita, no?). È più o meno il massimo che potevamo attenderci dal vecchio Loner, ancora capace di procurarci qualche brivido. Di quelli inconfondibili.
Voto: 7 (su 10)

[...] Ralph Molina e Billy Talbot dettano l’incedere erratico che ha fatto la fortuna della band, Lofgren puntella con la ritmica e persino con qualche nota di accordion e piano, ma si tiene un passo indietro, mentre Neil fa semplicemente Neil, rivoltando in maniera maniacale gli stessi accordi, pungendo con qualche scarica statica all’inseparabile Gibson e soffiando indolenti note di armonica. [...] Strada facendo Barn si accomoda così una volta di più tra quelle opere minori dettate dal verbo Crazy Horse. [...]
Voto K (medio)

[...] [I Crazy Horse] sembrano divertirsi ancora tanto con gli strumenti in mano, suonando sotto l'influsso di una luna piena già alta e abbagliati dai tramonti da cartolina che appaiono all'orizzonte tra i lineamenti delle montagne. E poco importa se le grandi canzoni le hanno già scritte e suonate trent'anni fa, quaranta o anche di più, lo spirito sembra essere sempre lo stesso [...]. Barn è un disco che non aggiunge nulla alla storia musicale di Neil Young  ma è una testimonianza vitale di un artista instancabile che vive con passione il presente, alla sua maniera, con semplicità, a volte con disarmante ingenuità, in maniera raffazzonata (molte canzoni sembrano tranciato sul più bello), immerso nella natura. [...]
Recensione positiva