Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - World Record

Nuovo album del Cavallo prodotto da Rick Rubin, undici tracce che spaziano tra ballad e garage-rock, tra intimismo ed ecologia, proseguendo sulla linea tracciata dai precedenti lavori.

Neil Young - Harvest 50th Anniversary

Box commemorativo per i 50 anni del "disco perfetto", contenente 3 out-takes, il live alla BBC del 1971 (cd e dvd) e il film documentario Harvest Time con sequenze inedite delle session.

David Crosby - Live at the Capitol Theater

Disco live con dvd che ripropone il concerto dell'8 dicembre 2018, durante il tour dell'album Lighthouse, insieme alla Lighthouse Band.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il libro ripercorre vita e musica dell'artista attraverso i testi delle canzoni.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

giovedì 1 dicembre 2022

Billy Talbot: passato, presente e futuro dei Crazy Horse. L'intervista di Aquarium Drunkard


"Quando mi sono unito ai Crazy Horse e abbiamo iniziato a suonare, mi è sembrato ovvio che questa band fosse molto più divertente di tutte le altre in cui avevo militato", racconta Neil Young al biografo Jimmy McDonough in Shakey. "E notai che alcuni dei musicisti con cui avevo suonato nelle altre band pensavano che questi ragazzi non fossero molto bravi. Eppure a me piacevano. E parecchio, in effetti. Mi stavo divertendo un sacco a suonare con loro. Con chi altri potevo suonare la chitarra per sette minuti, cantare una strofa e fare un altro assolo di cinque minuti? In Crosby, Stills, Nash & Young no di certo. Ma soprattutto era una cosa semplice: tutti volevano solo fare musica e non importava nient'altro".
Sono passati più di 50 anni da quando Neil si è unito ai Crazy Horse, e ancora non importa nient'altro. Young ha appena pubblicato World Record, prodotto da Rick Rubin, il suo terzo album con la band in altrettanti anni. I Crazy Horse hanno affrontato alcuni cambiamenti negli ultimi anni, con il polistrumentista Nils Lofgren che ha sostituito il chitarrista di lunga data Frank "Poncho" Sampedro, ritiratosi recentemente alle Hawaii. Ma il cuore del gruppo è rimasto lo stesso del '69: il batterista Ralph Molina e il bassista Billy Talbot, che insieme hanno fornito la base ritmica elementare su cui Neil ha fatto affidamento per tutti questi anni. 
"Billy è la ragione per cui i Crazy Horse sono grandi", ha detto Young di Talbot. "Il suo modo di suonare il basso è dannatamente sentito e grande. Le note sono enormi". 
Aquarium Drunkard ha incontrato Talbot dalla sua casa in South Dakota per avere informazioni sul passato, il presente e il futuro dei Crazy Horse.


Ho ascoltato World Record e ho pensato a quanto siano belle le voci di sottofondo dei Crazy Horse. Potresti riportarmi ai primi tempi, anche prima dei Crazy Horse? Danny & The Memories... eravate un gruppo vocale, giusto?
Billy Talbot: Esatto! Il video di noi due su YouTube è davvero bello, quando facciamo "Na na na na"... lo adoro. Era su un sistema chiamato Scopitone. Ci hanno registrato e hanno fatto quel piccolo film o quello che è. È molto interessante perché mia moglie, che all'epoca viveva nel New Jersey con il suo defunto marito, entrò in questo bar e c'era questa macchina Scopitone. E quella nostra canzone in particolare veniva suonata, capisci? Il suo futuro marito era lì, e lei non ne aveva idea. Ma la guardò e le piacque. Me ne parlò anni dopo.
Mi piacevano Danny & The Memories. Ci piaceva cantare insieme. Cantavamo nei vicoli, per strada. Facevamo di tutto per riunirci e cantare e fare quel tipo di armonia. Mi piacevano gli Skyliners. Tutti quei gruppi vocali di quei tempi. Siamo arrivati tardi sulla scena, ma era il tipo di musica che piaceva a tutti noi: a me, a Ralph [Molina], a Danny [Whitten] e al nostro amico Ben Rocco. 
Ancora oggi ci piace fare armonia. E lo stesso vale per Neil! Quando ci siamo uniti con lui, è venuto fuori che amava fare parti armoniche. Ci è sempre piaciuto. Venivamo da lì. In qualche modo, Neil dal Canada, Ralph e io dall'area di New York e Danny Whitten dalla Georgia e dall'Ohio, ci siamo ritrovati tutti insieme a vent'anni e ci siamo trovati bene. E la cosa è andata avanti negli anni. 

Alla fine sono nati i Rockets - voi eravate una band di Los Angeles sulla Sunset Strip, proprio nel cuore di quella scena.
Sì, abbiamo suonato al Whisky [A Go Go] e in un sacco di altri posti. I Rockets... Avevamo Bobby Notkoff che suonava il violino elettrico e i fratelli Whitsell, oltre a Ralph, Danny e io. Era semplicemente... era bellissimo. C'erano momenti di slancio nella musica. Bobby è morto nel 2018... era un musicista incredibile. Abbiamo fatto uno spettacolo allo Shrine Auditorium, c'erano altre band che suonavano con noi. Voglio dire che sono diventati abbastanza famosi... 

Era lo spettacolo di cui volevo chiedere. Ho sempre guardato questo poster dei Rockets, di Sly & The Family Stone, di Paul Butterfield e dei Velvet Underground, pensando: questo è uno dei più grandi concerti degli anni '60!
Esatto [ride]! Ricordo che avevamo un piccolo piano quando eravamo lassù. Alla fine, dovevamo scendere dal palco in momenti diversi. La musica continuava fino a quando non rimaneva solo il batterista. Solo Ralph doveva rimanere sul palco. Ma a Ralph non piaceva! [Ride] Non gli piaceva essere lasciato lassù da solo, così è sceso subito dalla batteria. Era solo una piccola cosa che avevamo programmato e che pensavamo sarebbe stata bella. Non ha funzionato, ma è normale. Me lo ricordo, tra le tante cose.


E poi, a un certo punto, hai incontrato Neil Young. Ricordi il tuo primo incontro con Neil? 
Vivevo a Laurel Canyon e sentivo parlare di Neil. Anche lui viveva lì, in un certo posto. Così sono andato a trovarlo per vedere come stava. Mi disse: "Abbiamo appena registrato una cosa con gli Springfield e la mia chitarra ha un tono incredibile!" In quel momento lo rendeva davvero orgoglioso. Così l'ha suonata per me e ci siamo divertiti molto. 
Poco dopo è venuto a trovarci nel quartier generale dei Rockets, una casa che avevamo a Lauren Canyon. Siamo stati insieme. E poi è tornato. E poi è tornato di nuovo. Ben presto abbiamo suonato un po' di musica insieme, in salotto. All'inizio era solo acustica. Una cosa tira l'altra e in men che non si dica abbiamo registrato Everybody Knows This Is Nowhere. 

È successo piuttosto in fretta.
Di solito Neil è fatto così. Se decide di fare qualcosa, vuole farlo il prima possibile. 

Cosa pensi che lo abbia attirato verso i Rockets?
Non ne sono sicuro, semplicemente avevamo qualcosa che gli piaceva. Una volta è venuto con noi al Whisky [A Go Go]. Bobby Notkoff non partecipava. Era in balconata ad ascoltarci. Stavamo tutti suonando e ci stavamo divertendo, e poi Neil ha voluto fare di più. Ci ha chiamati a casa sua e ci ha detto: "Forse tu, Danny e Ralph potete venire qui e possiamo fare qualcosa?" È stato quello il punto di partenza.

Sono sempre stato curioso di sapere di quei primi giorni sul palco. Non ci sono registrazioni dal vivo della band nel 1969, per quanto ne so.
Abbiamo suonato molto. Non abbiamo registrato molto, però. È difficile ricordare quel periodo. [Ride] Come va la tua memoria? Quanti anni hai? 

Ne ho 43. 
Immagina se ti chiedessero qualcosa che è successo 60 anni fa. [Ride] Ci sono epoche diverse, quello che facevamo a 20 e 30 anni, a 40 e 50... ora siamo a 70 anni! È una specie di sistema di decadi quello in cui ci troviamo.

Bene, passiamo alla storia più recente! Negli ultimi tre dischi dei Crazy Horse è rientrato nella band Nils Lofgren, anche se ovviamente era già stato con voi in passato. Come ha cambiato i Crazy Horse? 
Beh, è un musicista molto versatile. Ha molta energia. Una buona energia. È riflessivo. Vuole solo aggiungere qualcosa al mix. Neil suonerà l'acustica, l'elettrica, il pianoforte o qualsiasi altra cosa. E Nils troverà la cosa migliore da aggiungere. Suona tutti questi strumenti diversi. Si tratta solo di trovare quello giusto per integrarsi con noi, per aiutarci a suonare come si deve. 

Che differenza c'è rispetto a quando Poncho faceva parte della band? 
Poncho è un vero "segno di terra". A dire il vero, non è un segno di terra, ma è un ragazzo di terra. [Ride]. Ha i piedi per terra. Suona grandi parti di chitarra ritmica che sono semplicemente forti. Abbiamo avuto un bel rapporto con Poncho, io e Ralph per anni. Ci manca molto. Ma aveva bisogno di ritirarsi e l'ha fatto. Sono felice per lui. 

E Ralph? Siete nella squadra da così tanto tempo. Cosa ti piace di più del fatto di suonare con lui? 
È come un fratello. È mio fratello. È come acqua che si riversa nella musica, ma è ancora così solido. La vive e aggiunge sentimento alla musica. Ed è bellissimo. Canta anche incredibilmente bene. 

Voi due suonate ancora bene insieme. Su World Record avete coinvolto Rick Rubin per fare un disco con gli Horse: che effetto ha avuto?
Rick è molto organizzato. Ha il suo studio a Malibu, chiamato Shangri-La, che era un posto dove viveva The Band. L'ha reso un vero e proprio ambiente artistico. È tutto bianco sulle pareti, tutto bianco nelle sale, tutto bianco sul pavimento. Ed è un posto fantastico per registrare. Ha un grande ingegnere del suono, Ryan Hewitt, che ha portato qui da Nashville. Hanno lavorato insieme allo Shangri-La negli ultimi due anni. Hanno un ottimo rapporto.
Rick ci ha aiutato nello stesso modo in cui David Briggs ci ha aiutato anni fa. Si assicurava che tutto venisse registrato nel modo giusto, quando doveva essere registrato. Quando eravamo pronti a suonare, loro erano pronti a registrarci. È importante che tutti questi elementi si uniscano al momento giusto. Rick è bravo in questo.


Quanta preparazione fate prima di entrare in studio? Neil vi manda canzoni, demo, idee in anticipo? 
Sì, mi ha mandato in tutto otto o nove canzoni. Me ne mandava alcune una settimana, alcune altre quella dopo. Mi mandava solo due strofe e un ritornello, o qualcosa del genere, e mi diceva: "C'è dell'altro, ma questo è l'essenziale". Io ero in grado di imparare i cambi e di sapere cosa sarebbe successo. Questo mi ha aiutato molto nella registrazione.

I testi sono importanti per te in quella fase? 
Presto attenzione ai testi. All'inizio, però, mi interessa soprattutto la sensazione del basso. Poi, una volta capito il feeling, ho il tempo di entrare nella canzone per quanto riguarda il testo. Ma Neil è sempre interessante, per non dire di più. Quindi non mi preoccupo troppo di questo. Mi piace essere sorpreso e coinvolto dalle parole di Neil nella canzone.

Come al solito, Neil affronta qualche argomento più oscuro in certe canzoni, ma nel complesso ho avuto l'impressione che World Record sia nel complesso ottimista. O forse "ottimista" non è esattamente la parola giusta.
Ottimista è una buona parola. 

Tu condividi questo ottimismo?  
Sì, lo condivido. Lo condivido nella vita. So che non abbiamo scelta. O saliamo sul carrozzone e ci buttiamo nella mischia, o scivoliamo giù e ci deprimiamo per tutto quanto. C'è abbastanza per essere depressi. Ma c'è anche molto per essere ottimisti. Questa è la vita e non abbiamo tutte le risposte. 

Hai un brano preferito del nuovo disco? 
Mi piacciono tutti. Mi piacciono molto "The Long Day Before" e "Walkin' On The Road (To The Future)". Adoro "Chevrolet". Sono molto contento di averla fatta. È lunga 15 minuti ed è un viaggio così bello. È stata circa la terza volta che abbiamo provato a suonarla. Alla fine l'abbiamo capita tutti, l'abbiamo suonata ed è stata fantastica. È andata così.

È fantastico avere un'altra lunga epopea dei Crazy Horse. Allo stesso tempo, sento che è un po' diversa dalle altre. È unica. 
Per quanto riguarda questo aspetto, è incredibile... Da "Cowgirl in the Sand" e "Down By The River" a "Chevrolet". Sono tutte grandi jam dei Crazy Horse, ma ognuna di esse è unica. Come riuscite a farlo? Non rispondiamo mai a questa domanda perché quello che facciamo... è farlo, punto e basta! Ci si ritrova nel bel mezzo di "Chevrolet" a fare i salti mortali. Si attraversano colline e valli, si superano ruscelli e fiumi. Ci si muove per 15 minuti. Non ci poniamo domande. Ci lasciamo portare dallo stupore e dopo ci ritroviamo a godercelo. 

Con "Chevrolet", sapevate già in anticipo che si sarebbe trasformato in qualcosa di grande e lungo? 
Sapevamo che sarebbe andata in quella direzione, che sarebbe stata qualcosa da godere e da suonare. Non avevamo idea di quanto sarebbe durata, o se saremmo mai riusciti a imbroccarla bene. Non possiamo metterci questo tipo di pressione. Non vuoi sapere tutto, giusto? La vuoi fare senza conoscerla. È meglio. Se la si conosce troppo bene, non diventerà quello che può diventare, diciamo così. Non sarà così piacevole per l'ascoltatore. E non piacerà nemmeno a noi. Probabilmente non ci piacerà affatto.


"Chevrolet" mi porta alla prossima domanda, perché mi piacerebbe sentire i Crazy Horse suonarla dal vivo. È una cosa che succederà? So che Neil è titubante all'idea di riportare tutti in tour. 
Non è quello, è il pubblico. Non vogliamo portare 10.000 persone in una sala e vederle ammalarsi perché volevano venire a vederci. È una cosa terribile. Questo è il motivo principale per cui non abbiamo suonato. Stiamo [aspettando] di sentirci a nostro agio con tutto questo. A quel punto torneremo a suonare. 

Ha senso. Per me, egoisticamente, dovreste venire in Colorado e suonare di nuovo a Red Rocks, un grande spazio all'aperto. 
Sì, un bel posto all'aperto. Un bel posto all'aperto. Ci piace Red Rocks. Ci piace molto il Colorado. Siete fortunati a vivere lì. Ma amo anche il Sud Dakota. Siamo quasi vicini di casa. [Ride]

Con cosa ti tieni occupato quando non registri con Neil? 
Suono con la Billy Talbot Band, la stessa band da almeno 20 anni. L'anno scorso i ragazzi sono venuti a casa mia e abbiamo registrato. È andata molto bene. Abbiamo un disco in uscita a breve, All Roads Lead Home. Nils, Ralph e io contribuiremo con tre canzoni ciascuno. Abbiamo registrato separatamente durante la pandemia, ma le stiamo mettendo insieme. Anche Neil ha inserito una canzone. Quindi ci siamo tutti e quattro. Se tutto va bene, uscirà a marzo per i Neil Young Archives. Tutte le strade portano a casa.


Traduzione fornita da Paolo Palù
Revisione di MPB, Rockinfreeworld