Featured Posts

Neil Young & Stray Gators - Tuscaloosa 1973

Archives Performance Series #04. Il nuovo live inedito è tratto dal tour 1973 con la formazione originale di Harvest. 11 canzoni acustiche ed elettriche, solari e oscure, a cavallo tra il successo e il dolore.

David Crosby - Here If You Listen

Quarto album in appena cinque anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y, accompagnato da numerosi ospiti, è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

giovedì 23 settembre 2010

Neil Young: Chrome Dreams II (Reprise, 2007)

di Salvatore Esposito da www.ilpopolodelblues.com

Dopo il polemico Living With War dello scorso anno, Neil Young torna con un nuovo album, Chrome Dreams II, un sequel anomalo di un disco mai pubblicato del 1977, i cui brani in larga parte trovarono posto poi in altri dischi come American Star ‘n’ Bars e Rust Never Sleeps. La storia sarebbe bella e suggestiva da raccontare per intero ma basta semplicemente ricordare che il Canadese non è nuovo ad operazioni di recupero di brani composti in passato come nel caso di After The Goldrush, Freedom e Ragged Glory. In Chrome Dreams II trovano infatti posto tre brani composti una ventina d’anni fa, ovvero Beautiful Bluebird (dalle sessions del controverso Old Ways), Box Car (dall’album inedito Time Square) e Ordinary People (dal periodo dei Bluenotes). I restanti sette brani sono di recente composizione. Il disco è stato inciso con l’apporto dei soli Ralph Molina alla batteria, Rick Rosas al basso e Ben Keith alla chitarra e alla pedal steel, e con la partipazione dei Blue Notes nella già citata Ordinary People e di un cordo di bambini. Il disco si apre con Beautiful Bluebird, rallentata rispetto alle versioni già incise con gli International Harvesters, con molto meno country insito nella melodia ma con una rinnovata eleganza che affascina sin dal primo ascolto. Segue Box Car, ora più essenziale e meno morriconiana rispetto a quella ascoltata su vari bootleg ma con un sound folkie di grande impatto con il banjo in bella evidenza. Strepitosa è poi la chilometrica Ordinary People in cui Neil Young regala diciotto minuti di grande poesia rock, con tanto di fiati in grande evidenza, un ripescaggio storico fondamentale pari quasi alla splendida Blind Willie McTell di Bob Dylan. Il disco poi si apre ai brani nuovi con Shining Light, una ballata dolcissima come solo Neil Young sa fare, e a cui segue prima The Believer, un brano molto vicino ad Are You Passionate? che sa di riempitivo e poi la travolgente Spirit Road, un rovente brano rock con la chitarra di Young in gran spolvero. Le chitarre continuano a ruggire nel punk di Dirty Old Man, ma è il risultato ci sembra fuori fuoco rispetto alle aspettative, molto meglio va con Ever After un’altra ballata tutto miele ma senza nessuna pretesa. A brillare tra i brani nuovi è la sola Hidden Path, tredici minuti di grande rock e chitarre nel migliore stile younghiano. Deludente il finale con The Way, un brano dalla splendida melodia quasi natalizia ma penalizzato dal coro dei bambini, siceramente fuori luogo. Seppur a tratti altalenante, Chrome Dreams II merita di essere ricordato sia per i tre ottimi ripescaggi ma anche per qualche spunto più recente Shining Light, Spirit Road e Hidden Path. La storia musicale di Neil Young ci insegna che difficilmente i suoi dischi, se non i primi, contengono tutti brani memorabili, spesso qualche riempitivo di troppo lo si incontra, ormai siamo abituati. Brani però come Ordinary People valgono tutto il prezzo del disco, e dunque perché mai Chrome Dreams II non dovrebbe essere acquistato?

Neil Young
Chrome Dreams II
Reprise, 2007

Beautiful Bluebird
Boxcar
Ordinary People*
Shining Light
The Believer
Spirit Road
Dirty Old Man
Ever After
No Hidden Path
The Way**

Produced by The Volume Dealers
Neil Young and Niko Bolas

Neil Young - acoustic and electric guitars, banjo, harmonica, grand piano, pump organ, Hammond B-3 organ, vibes, percussion, vocal
Ben Keith - pedal steel guitar, lap slide guitar, dobro, electric guitar, Hammond B-3 organ, vocal
Rick Rosas - bass, vocal
Ralph Molina - drums, percussion, vocal

Background singers:
The Wyatt Earps - Ben Keith, Ralph Molina, Neil Young
The Jane Wyatts - Nancy Hall, Annie Stocking, Pegi Young
The Dirty Old Men - Larry Cragg, Ben Keith, Ralph Molina, Rick Rosas, Neil Young
**"The Way" choir: The Young People's Chorus of New York City Francisco J. Nunez, Artistic Director/Founder; Elizabeth Nunez, Conductor
Choristers: Moraima Avalos, William Cabiniss, Che Elliott, Vera Kahn, Rosa Loveszy, Christina Lu, Jamal Marcelin, Helen Parzick, Lluvia Perez, Owen Smith, Julie Urena, Emily Viola, Reginald Wilson, Catherine McGough, Rebecca Shaw

*"Ordinary People"
Neil Young - electric guitar, vocal
Joe Canuck - vocal
Frank "Poncho" Sampedro - guitar
Rick Rosas - bass
Chad Cromwell - drums
Ben Keith - alto saxophone
Steve Lawrence - tenor saxophone, keyboards
Larry Cragg - baritone saxophone
Claude Cailliet - trombone
John Fumo - trumpet
Tom Bray - trumpet (solo)