Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Colorado

Il ritorno del Cavallo tra le nevi del Colorado. L'ultimo album mescola il grunge di protesta alle ballad intimistiche, regalando momenti di puro incanto.

Neil Young & Stray Gators - Tuscaloosa 1973

Il nuovo live d'archivio è tratto dal tour 1973 con la formazione originale di Harvest. 11 canzoni acustiche ed elettriche, solari e oscure, a cavallo tra il successo e il dolore.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

mercoledì 10 ottobre 2012

FIRST DRAFT: uno sguardo alle “prime stesure” inedite e ai dischi incompiuti (1968-72) Parte 1


First Draft, ovvero Prima Stesura: a Neil Young è accaduto infinite volte di abbozzare tracklist per dischi che avrebbero visto la luce in forme completamente diverse (o non avrebbero visto la luce affatto). È parte del processo creativo che si nasconde dietro gli album che amiamo.
Nel corso degli anni tante informazioni sono venute alla luce; soprattutto ora, grazie alla recente pubblicazione di Archives Vol.1 (ricchissimo di documenti d'epoca), possiamo dare uno sguardo “dietro le quinte”. Abbiamo pensato di iniziare proprio con i dischi che rappresentano il periodo iniziale, quello di maggiore successo di Young: dal debutto solista del 1968 (l'album omonimo) al celeberrimo Harvest del 1972, passando per le tantissime idee e bozze che non hanno visto la luce.
Archives ci permette di ricostruire la storia della musica di Young; si possono leggere le prime tracklist che Neil stava abbozzando, con le canzoni che al momento aveva tra le mani, registrate o ancora da registrare. Si può navigare secondo la cronologia delle sessions e si possono esaminare i manoscritti dei testi (talvolta differenti dalle versioni poi incise).

Neil Young (1968)
Al suo debutto solista Neil Young iniziò a pensare già nei giorni dei Buffalo Springfield. Le prime idee per quello che sarà l'album Neil Young, uscito alla fine del 1968 (poi una seconda edizione nel 1969 con nuovo missaggio), risalgono circa a febbraio 1968.
Archives Vol.1 ci presenta i manoscritti di due tracklist sensibilmente diverse da quella che conosciamo (una terza, che non riportiamo, è analoga alla prima ma con meno tracce).

 I
Old Laughing Lady
Last Trip To Tulsa
Birds
Whisky Boot Hill
Billy Pennyworth
Falcon Lake
Slowly Burning
Whatever Happened To Saturday Night
Surely Enough
Scarborough High

 II
Old Laughing Lady
LA
I’ve Loved Her So Long
Love Is A Gift
Birds
Last Trip To Tulsa
Billie Pennyworth
Whisky Boot Hill



“Laughing Lady”, “Tulsa” e “Birds” furono composte in pieno periodo Springfield; della prima c’è un demo acustico nel box set dei Buffalo (2001). “Falcon Lake” e “Whatever Happened” furono effettivamente registrate con il gruppo (anch'esse reperibili nel box set).
“Slowly Burning” è opera di Young e Jack Nitzsche, sempre in periodo Springfield e la troviamo in Archives. Di “Whisky Boot Hill” (poi diventata parte della suite “Country Girl”) troviamo un'esecuzione dal vivo in Live at Riverboat.
“LA”, inclusa anni dopo in Time Fades Away, è una composizione acustica risalente al 1968; lo racconta lo stesso Young introducendola dal vivo durante il tour del 1973 (di cui esistono i bootleg).
Gli altri brani menzionati nelle tracklist, per quel che ne sappiamo, non furono mai registrati. Grazie ad Archives, di “Billie Pennyworth” e “Scarborough High” possiamo leggere le prime stesure del testo, così come le bozze per quello di “Slowly Burning” e vari tentativi, con versi differenti, per quello di “I've Loved Her So Long”.

Le sessions di registrazione si svolsero nell'estate 1968 e portarono a una serie diversa di canzoni; oltre a quelle che possiamo ascoltare nel disco, furono incise anche “Everybody Knows This Is Nowhere” e “Birds” (out-take reperibili in Archives Vol.1).
Confrontando il contenuto del disco che conosciamo e quello inizialmente pensato, appare evidente come i due album siano del tutto diversi, con solo un paio di brani in comune. Quello effettivamente pubblicato è più maturo, mentre il primo tentativo appare molto più legato al periodo Springfield. Sarebbe comunque interessante poter ascoltare canzoni quali “Saturday Night” e “Whisky Boot Hill” (che conosciamo solo in forma di demo) nella veste sonora delle sessions del '68.
Possiamo fare un po' di archeologia musicale ricostruendo una immaginaria First Draft Edition di Neil Young, 1968, prendendo in considerazione le cose pervenute fino a noi, out-takes, demo, fonti alternative e qualche versione dal vivo. Ecco il risultato:

1. Old Laughing Lady – versione demo
2. Last Trip To Tulsa – versione live
3. Birds – out-take
4. Whisky Boot Hill – versione live
5. Falcon Lake
6. Slowly Burning
7. Whatever Happened To Saturday Night – versione demo
8. LA – versione acustica dai bootleg del 1973
9. I’ve Loved Her So Long – versione live acustica
10. Everybody Knows... – out-take
11. Here We Are In The Years – versione missaggio originale
12. Round And Round – versione demo
13. I've Been Waiting For You – versione live acustica
14. The Loner – versione live acustica 

Everybody Knows This Is Nowhere (1969)
Il secondo album fu registrato e assemblato istantaneamente in studio, con i Crazy Horse. Non ci sono out-takes o tracklist differenti, ma la band continuò a registrare altro materiale, tra il 1969 e il 1970, pensando a un secondo album.

Oh Lonesome Me (1970): i Crazy Horse dimenticati
“Questa sarà nel nostro nuovo album... quando lo registreremo” dice Neil Young introducendo “Wonderin” al Fillmore East nel marzo 1970, e riferendosi a quello che avrebbe dovuto essere il secondo disco di Neil Young & Crazy Horse – con la lineup originale degli Horse che includeva Danny Whitten – diversi mesi dopo Everybody Knows This Is Nowhere. Non fu mai completato: è il primo di una lunga lista di aborti a cui Young ha abituato i suoi fan. Ma tra la fine del 1969 e i primi mesi del 1970 era un progetto più che mai vivo.
Per ricostruirlo dobbiamo partire dalle sessions in studio che i Crazy Horse tennero nell'estate del 1969, poco dopo l'uscita del primo LP. Ecco cosa venne registrato (fonte Archives Vol.1):
Oh Lonesome Me
Birds
Everybody's Alone
Wonderin'
I Believe In You
Look At All The Things
Winterlong
Dance Dance Dance
Sappiamo che anche “Helpless” fu provata ma non venne registrata per via di un errore tecnico.


In Archives si possono leggere alcune tracklist considerate da Young per questo disco, che risalgono però all'inizio del 1970, dunque sono successive alle sessions. La prima è una “lista di canzoni da registrare” (gennaio '70) con annotate le background vocals di Danny Whitten & The Ronettes. Ha un titolo curioso: “A Country Store Plays Old Changes”.

Birds
Winterlong
Down To The Wire
So Many People
Oh Lonesome Me
Sugar Mountain
Dance Dance
Now That You Made Yourself Love Me [primo titolo di I Believe In You]
Wondering
One More Sign
I Don't Want To Talk About It

L'ultima è una composizione di Whitten, poi registrata per l'album omonimo dei soli Crazy Horse (1971, senza Young). Di “So Many People” non abbiamo dettagli (forse un titolo provvisorio).
Ci sono poi due altre tracklist (febbraio) che portano il titolo di Oh Lonesome Me e persino una bozza dell'artwork.

 I
Oh Lonesome Me
Wondering
Don't Let It Bring You Down
Dance Dance
So Many People
Join Back Home
Cinnamon Girl
Everybody Knows This Is Nowhere
Long Walk Home

In calce sono elencati con un asterisco:
Winterlong
Birds
Sugar Mountain
Down To The Wire

 II
Oh Lonesome Me
Wondering
Birds
Don't Let It Bring You Down
Crippled [Cripple Creek Ferry]

Wondering
Birds
Don't Let It Bring You Down
On The Way Home
Crippled

Nella prima bozza, alquanto bizzarra, spicca il titolo di “Long Walk Home”, brano che ha trovato posto solo in Life (1987) e che ci fa domandare come sarebbe stato col sound dei primi Horse. Resta misteriosa “Join Back Home”. E' curiosa invece la presenza di “Cinnamon Girl” e “Everybody Knows”, appena uscite sul primo LP, e di alcuni vecchi brani degli Springfield.

Dato che queste liste sono successive alle sessions di cui sopra, evidentemente nel 1970 Young pianificava nuove registrazioni con gli Horse che poi non fece. Rispetto al materiale inciso nel 1969 le idee di Young erano cambiate. La seconda tracklist è emblematica e rappresenta di fatto la trasformazione di Oh Lonesome Me nel progetto successivo, After The Gold Rush, l'album registrato subito dopo (e che infatti includerà diverse canzoni di queste liste).
C'è tuttavia una tappa intermedia (marzo 1970 secondo i documenti), ovvero l'idea di un doppio LP in parte dal vivo e in parte in studio che avrebbe incluso alcune di queste nuove tracce (si veda la seconda parte dell'articolo).
Dell'inedito secondo album degli Horse, dunque, ai posteri restano i risultati delle prime sessions che, però, sono ancora in parte inediti. In Archives ci sono solo versioni live (comunque splendide) di “Wonderin” e “Winterlong”, ma non quelle in studio; assente anche “Look At All The Things” scritta da Whitten (poi reincisa dai soli Crazy Horse per il loro album del '71).
“Oh Lonesome Me” e “I Believe In You” vennero riciclate in After The Gold Rush.
Per la nostra First Draft immaginaria di questo album perduto possiamo aggiungere, oltre al materiale già menzionato, altre due canzoni del periodo (in versioni live) e “When You Dance”, registrata sì dagli Horse nel 1970 ma per Gold Rush, immaginando che proprio all'ultimo avrebbero voluto inserirla in questo album.

1. Oh Lonesome Me
2. Birds
3. Everybody's Alone
4. Wonderin' – vers. live o futura release della vers. studio
5. I Believe In You
6. Winterlong – vers. live o futura release della vers. studio
7. Dance Dance Dance
8. Look At All The Things – vers. Crazy Horse 1971 o futura release della vers. originale
9. I Don't Want To Talk About It – vers. Crazy Horse 1971
10. Come On Baby Let's Go Downtown – vers. live
11. It Might Have Been – vers. live
12. When You Dance I Can Really Love