Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young + Promise Of The Real - Noise & Flowers

Antologia di 14 brani live tratti dal tour 2019 insieme alla band dei figli di Willie Nelson, dedicato alla memoria dello scomparso Elliot Roberts, manager di una vita.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

lunedì 29 ottobre 2012

Neil Young su Twitter: che tipo!

da Rolling Stone

A domande ha risposto, Neil Young, mantenendo l'impegno della "twittata" con i fan che in Italia ha preso il via alle 21 di ieri. E stupendo per sincerità, per sarcasmo e, in qualche caso, per… brevità. Vero è che Twitter non è la piattaforma più adatta a discutere carriera di un gigante del rock e il suo nuovo Psychedelic Pill, fuori la prossima settimana, ma Young ha fatto del suo meglio, e si è adattato al mezzo. Così a chi gli ha chiesto "Perché hai deciso di iscriverti a Twitter", il quasi sessantasettenne ha risposto candidamente "Per promuovere il disco". Quando la domanda è stata: "Che ne pensi di Jack White?" la sua reazione è stata, prevedibilmente, "Mi piace Jack White". E sul significato del titolo Psychedelic Pill, spiega "è una pillola che causa effetti psichedelici". Ma va? Attenzione, perché stordito o sprovveduto Neil Young non lo è affatto, e quando si passa a robe grosse, lui c'è: anticipando che collaborerà con Dave Grohl, promuovendo i Foster The People come nuova band da tenere d'occhio, riflettendo che "se piaccio a più di una generazione vuol dire che sto invecchiando". E poi ancora: Young ci informa che a breve tutto il suo catalogo di album sarà ripubblicato, che in auto ascolta Tempest di Bob Dylan, che non è un omofobo e ama i Radiohead. In chiusura di chat, ha anche il tempo di farsi una domanda da solo, come insegna Marzullo: "Perché ho aspettato di essere sobrio per registrare Psychedelic Pill? Mi piace parlare da solo su Twitter." Però non si è risposto… Speriamo lo faccia presto. È stato uno spasso!