Featured Posts

Neil Young - Homegrown

Il celeberrimo album inedito del 1975, rimasto fino a oggi negli archivi, vede finalmente la luce in via ufficiale. 12 canzoni, tra inedite e prime versioni di brani già conosciuti, provenienti da un momento d'oro per il Canadese. Imperdibile!

Neil Young & Crazy Horse - Colorado

Il ritorno del Cavallo tra le nevi del Colorado. L'ultimo album mescola il grunge di protesta alle ballad intimistiche, regalando momenti di puro incanto.

Neil Young Archives

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia e contenuti esclusivi per gli iscritti.

lunedì 15 ottobre 2012

Songs For Beginners (1971)

di Jacopo Meille da JAM



Dei mitici CSN&Y l’unico ad aver veramente sfondato è stato Neil Young. Con le loro canzoni impegnate, con il loro dissenso per la guerra nel Vietnam e i metodi utilizzati dalla guardia nazionale per reprimere le rivolte studentesche, sono diventati un supergruppo “faro” nella luminosa notte di Woodstock. Uno dei simboli più forti ed integri degli anni sessanta. Finita l’avventura a quattro, come per i Beatles, le varie carriere solistiche si sono allontanate dal successo, oscurate appunto anche da un Neil Young che andrà a creare alcune tra le migliori pagine di musica americana. 
SONGS FOR BEGINNERS è però un disco di valore, monotono ed ingenuo forse, ma certamente di qualità. Il testo di Military Madness si commenta da solo, mentre l’andatura allegra del brano tradisce una tristezza dilagante. Better Days è un piccolo libro da sfogliare ogni minuto che passa. Wounded Bird, a mio avviso il miglior brano di Nash, è la tipica ballata da menestrello. Corta ma intensa, tipicamente folk, tipicamente americana. We Can Change The World è un messaggio di speranza volutamente hippy che si riallaccia alla più nota Chicago. Il mio consiglio, senza fretta e non prima di aver ascoltato il repertorio dei CSN&Y, è di avvicinarsi a questo disco e a questo personaggio che certamente non vi tradirà.
John Robbiani