Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young + Promise Of The Real - Noise & Flowers

Antologia di 14 brani live tratti dal tour 2019 insieme alla band dei figli di Willie Nelson, dedicato alla memoria dello scomparso Elliot Roberts, manager di una vita.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 10 agosto 2010

Neil Young: After The Gold Rush (Reprise, 1970)



Da molti considerato il suo miglior album in assoluto, Gold Rush è senz'altro il primo album intimo e personale di Neil Young, un "altro esordio" che a livello di profondità cantautoriale supera qualsiasi prova precedente. "Don't Let It Bring You Down", "Southern Man", "Tell Me Why", "When You Dance", la stessa "After The Gold Rush": ogni canzone di questo album è diventata un intramontabile classico nel repertorio del canadese.
Musicalmente, l'alternarsi di brani acustici ed elettrici rappresenta in pieno tutte le sue sfumature creative. L'ecletticità dei testi è altrettanto variegata e sorprendente. L'album è nato nella casa-studio di Topanga Canyon, con qualche aggiunta da altre sessions, e il respiro intimistico, acustico e un po' improvvisato dà il tono all'intera opera. Capolavoro.

Matteo Barbieri, Rockinffreeworld


After The Gold Rush (Settembre 1970, Reprise RS 6383)
Neil Young

Tell Me Why [2:54]
After The Goldrush [3:45]
Only Love Can Break Your Heart [3:05]
Southern Man [5:41]
Till The Morning Comes [1:17]
Oh, Lonesome Me [3:47]
Don't Let It Bring You Down [2:56]
Birds [2:34]
When You Dance I Can Really Love [3:44]
I Believe In You [2:24]
Cripple Creek Ferry [1:34]

Tutte le canzoni sono scritte da Neil Young ad eccezione di "Oh, Lonesome Me", scritta da Don Gibson.
Prodotto da Neil Young, David Briggs e Kendall Pacios
Registrato al Sunset Sound e al Sound City di Hollywood, e nello studio di registrazione privato di Neil a Topanga, CA, tra agosto 1969 e giungno 1970.

Il Cast
Neil Young: guitar, piano, harmonica, vibes, vocal
Danny Whitten: guitar, vocal
Billy Talbot: bass
Ralph Molina: drums, vocal
Jack Nitzsche: piano
Greg Reeves: bass
Nils Lofgren: piano, vocal
Bill Peterson: flugelhorn
Stephen Stills: vocal

Note: Nelle liner notes per l'album, c'è una track list scritta a mano da Neil, probabilmente è la set list di un concerto, infatti moltre delle canzoni sono ancora inedite eccola qui riportata:
1. Oh Lonesome Me
2. Wondering
3. Everybody's Alone
4. Sugar Mountain
5. Sea Of Madness
6. Big Waves
7. Dance, Dance, Dance
8. Birds
9. I Need Her Love To Get By