Featured Posts

Neil Young Archives Vol.2 1972-1976

11 anni dopo il primo volume, Neil Young riapre i suoi archivi: 10 dischi, di cui 7 inediti, con le session (quasi) complete di Tonight's The Night, Zuma, Homefires, la Stills-Young Band, il primo tentativo di Time Fades Away in studio e altro ancora. Nei negozi da marzo!

CSNY - Déjà Vu 50th anniversary

Quadruplo box set per festeggiare il mezzo secolo di questo celeberrimo album, con tre dischi di demo, outtakes e versioni alternative, in gran parte inedite.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Carnegie Hall 1970

Come prima uscita della Official Bootleg Series è stata scelta una serata storica: la lunga, intima esibizione acustica alla Carnegie Hall il 4 dicembre 1970.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 10 agosto 2010

Neil Young & Crazy Horse: Zuma (Reprise, 1976)


Zuma è l'album che ha riunito i Crazy Horse dopo la scomparsa di Danny Whitten, sostituito alla chitarra da Frank "Poncho" Sampedro, e che ha segnato anche il "ritorno alla luce" di Neil Young dopo la cosiddetta Doom Trilogy.
Registrato tra il 1974 e il 1975 in parte al ranch di Young e in parte nella sua casa al mare, il disco è il risultato di una selezione di varie sessions, ma l'integrità è mantenuta molto bene. I Crazy Horse firmano 7 dei 9 brani: "Pardon My Heart" e "Through My Sails" sono excursus acustici (l'ultimo con CSNY).
"Cortez The Killer" domina il secondo lato con i suoi assoli sognanti e le scene precolombiane che descrive; anche "Danger Bird" è un magistrale esempio di post-rock antelitteram. Gli altri sono pezzi rock che ricordano molto i primi Crazy Horse; l'ispirazione spazia dal southern al country rock, e in particolare "Drive Back" e "Barstool Blues" fanno la loro figura.
Un classico sempre fresco.
Matteo Barbieri, Rockinfreeworld

 

Zuma (10 Novembre 1975, Reprise 2242)Neil Young & Crazy Horse

Don't Cry No Tears [2:34]
Dangerbird [6:54]
Pardon My Heart* [3:49]
Lookin' For A Love* [3:17]
Barstool Blues [3:02]
Stupid Girl [3:13]
Drive Back [3:32]
Cortez The Killer [7:29]
Through My Sails* [2:41]

Prodotto da Neil Young e David Briggs eccetto (*) da Neil Young e Tim Mulligan

Registrato ai Broken Arrow Ranch, Redwood City, CA e a Pt. Dume, CA, tra il 16 giugno 1974 e il 29 agosto 1975.

IL CAST:
Crazy Horse (#2):Neil Young & Crazy Horse:
Neil Young: guitar, vocal
Frank Sampedro: guitar
Billy Talbot: bass, vocal
Ralph Molina: drums, vocal


Eccetto:
"Pardon My Heart":Neil Young: guitar, vocal
Tim Drummond: bass
Billy Talbot: vocal
Ralph Molina: vocal

"Through The Sails":Crosby, Stills, Nash & Young:
David Crosby: vocal
Stephen Stills: bass, vocal
Graham Nash: vocal
Neil Young: guitar, vocal
Russ Kunkel: congas

Note: "Cortez The Killer" fu tagliata in Spagna perchè offendeva il regime del Generale Franco. Si dice, ma ciò non è assolutamente confermato, che durante le session a Point Dume, furono incisi alcuni brani con Bob Dylan al piano, che era passato a trovare Neil in studio.