Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young + Promise Of The Real - Noise & Flowers

Antologia di 14 brani live tratti dal tour 2019 insieme alla band dei figli di Willie Nelson, dedicato alla memoria dello scomparso Elliot Roberts, manager di una vita.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 10 agosto 2010

Neil Young & Crazy Horse: Zuma (Reprise, 1976)


Zuma è l'album che ha riunito i Crazy Horse dopo la scomparsa di Danny Whitten, sostituito alla chitarra da Frank "Poncho" Sampedro, e che ha segnato anche il "ritorno alla luce" di Neil Young dopo la cosiddetta Doom Trilogy.
Registrato tra il 1974 e il 1975 in parte al ranch di Young e in parte nella sua casa al mare, il disco è il risultato di una selezione di varie sessions, ma l'integrità è mantenuta molto bene. I Crazy Horse firmano 7 dei 9 brani: "Pardon My Heart" e "Through My Sails" sono excursus acustici (l'ultimo con CSNY).
"Cortez The Killer" domina il secondo lato con i suoi assoli sognanti e le scene precolombiane che descrive; anche "Danger Bird" è un magistrale esempio di post-rock antelitteram. Gli altri sono pezzi rock che ricordano molto i primi Crazy Horse; l'ispirazione spazia dal southern al country rock, e in particolare "Drive Back" e "Barstool Blues" fanno la loro figura.
Un classico sempre fresco.
Matteo Barbieri, Rockinfreeworld

 

Zuma (10 Novembre 1975, Reprise 2242)Neil Young & Crazy Horse

Don't Cry No Tears [2:34]
Dangerbird [6:54]
Pardon My Heart* [3:49]
Lookin' For A Love* [3:17]
Barstool Blues [3:02]
Stupid Girl [3:13]
Drive Back [3:32]
Cortez The Killer [7:29]
Through My Sails* [2:41]

Prodotto da Neil Young e David Briggs eccetto (*) da Neil Young e Tim Mulligan

Registrato ai Broken Arrow Ranch, Redwood City, CA e a Pt. Dume, CA, tra il 16 giugno 1974 e il 29 agosto 1975.

IL CAST:
Crazy Horse (#2):Neil Young & Crazy Horse:
Neil Young: guitar, vocal
Frank Sampedro: guitar
Billy Talbot: bass, vocal
Ralph Molina: drums, vocal


Eccetto:
"Pardon My Heart":Neil Young: guitar, vocal
Tim Drummond: bass
Billy Talbot: vocal
Ralph Molina: vocal

"Through The Sails":Crosby, Stills, Nash & Young:
David Crosby: vocal
Stephen Stills: bass, vocal
Graham Nash: vocal
Neil Young: guitar, vocal
Russ Kunkel: congas

Note: "Cortez The Killer" fu tagliata in Spagna perchè offendeva il regime del Generale Franco. Si dice, ma ciò non è assolutamente confermato, che durante le session a Point Dume, furono incisi alcuni brani con Bob Dylan al piano, che era passato a trovare Neil in studio.