Featured Posts

Neil Young Archives Vol.2 1972-1976

11 anni dopo il primo volume, Neil Young riapre i suoi archivi: 10 dischi, di cui 7 inediti, con le session (quasi) complete di Tonight's The Night, Zuma, Homefires, la Stills-Young Band, il primo tentativo di Time Fades Away in studio e altro ancora. Nei negozi da marzo!

CSNY - Déjà Vu 50th anniversary

Quadruplo box set per festeggiare il mezzo secolo di questo celeberrimo album, con tre dischi di demo, outtakes e versioni alternative, in gran parte inedite.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Carnegie Hall 1970

Come prima uscita della Official Bootleg Series è stata scelta una serata storica: la lunga, intima esibizione acustica alla Carnegie Hall il 4 dicembre 1970.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 10 agosto 2010

Neil Young: Neil Young (Reprise, 1968/69)



Questo è l'album di debutto di Neil Young, una volta chiusa la parentesi dei Buffalo Springfield, ma rispetto ai dischi che verranno subito dopo (Everybody Knows This Is Nowhere, poi After The Gold Rush) non è così rappresentativo, almeno in termini musicali, dello Young che si farà conoscere al mondo. C'è ancora molta matrice springfieldiana negli arrangiamenti, nonché l'influenza della psichedelia orchestrale: "il disco è un'unica, immensa sovraincisione" afferma lo stesso Young.
Notevoli però i brani: "The Loner", "The Old Laughing Lady" e "Last Trip To Tulsa" sono hit che sopravviveranno nel tempo, e anche le altre, meno conosciute, sono senz'altro pregevoli, vedi "I've Been Waiting For You". Un bel disco, nonostante non preannunci il cambiamento di direzione creativa che immediatamente seguirà.

Matteo Barbieri, Rockinfreeworld


Neil Young (Prima stampa Novembre, 1968 Reprise RS 6317 - Seconda stampa Gennaio, 1969 Reprise RS 6317)
Neil Young
The Emperor Of Wyoming [2:14]
The Loner [3:55]
If I Could Have Her Tonight [2:15]
I've Been Waiting For You [2:30]
The Old Laughing Lady* [5:05]
String Quartet From Whiskey Boot Hill+ [1:04]
Here We Are In The Years [3:27]
What Did You Do To My Life? [2:00]
I've Loved Her So Long* [2:40]
The Last Trip To Tulsa [9:25]


Note: "String Quartet From Whiskey Boot Hill" è di Jack Nitzsche.
La seconda stampa è parzialmente remixata e rimasterizzata. Si differenzia rispetto alla prima per la presenza del titolo in copertina.


Prodotto da Dave Briggs e Neil Young, eccetto (+) e (*) prodotte e arrangiate da Jack Nitzsche, Ryland Cooder e Neil Young
Registrato ai Wally Heider Recording, Sunset Sound, Sunwest Recording e TTG Recording di Hollywood tra agosto e ottobre 1968.

Il Cast
Neil Young: guitar, piano, electric piano, harpsichord, pipe organ, vocal
Jim Messina: bass
George Grantham: drums
Ry Cooder: guitar
Jack Nitzsche: electric piano
Merry Clayton: vocal
Brenda Holloway: vocal
Patrice Holloway: vocal
Gloria Richetta Jones: vocal
Sherlie Matthews: vocal
Gracia Nitzsche: vocal