Featured Posts

Neil Young - Songs For Judy

Archives Performance Series #07. Il nuovo live inedito è tratto dai set acustici del tour 1976 e include 22 canzoni eseguite dal solo Neil alla chitarra e al pianoforte.

David Crosby - Here If You Listen

Quarto album in appena cinque anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y, accompagnato da numerosi ospiti, è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

lunedì 2 agosto 2010

Live It Up (1990)

Dal 1968, e per più di trent'anni una della cose per cui si ricorderanno Crosby, Stills & Nash (con Young a raggiungerli qua e là) è l'estenuante, continuo tira-e-molla tra riunificazioni e abbandoni, nuovi ritorni e scomparse. L'altra cosa è la musica, quella dei primi anni, quella di Dèjà vu, del superbo live Four Way Street. Non mancano poi, purtroppo, solenni schifezze, concerti patetici, dischi raffazzonati com'è questo del 1990, dopo l'ennesima dipartita di Young. Tralasciando l'orribile copertine (con quelle salsicce sospese sopra una terra fumetto), quel che viene in mente è una parola: tristezza. Cosa dire ascoltando queste canzoni, trascinate senza brio né poesia, con un invisibile Crosby, il dilagare di un Nash che ha vissuto momenti migliori al desolante ammucchiata di super-ospiti (Hornsby, McGuinn, Frampton, il clarinetto di Marsalis) che di certo non lasciano un segno in questo malinconico circo viaggiante. Là dove il marasma dei suoni e l'aridità compositiva dei singoli brani raggiunge momenti imbarazzanti, e in cui gli assoli della chitarra di Stills suonano come gli ultimi baluardi di un passato irraggiungibile.
da "Dischi da Evitare" di Mucchio Selvaggio


Solitamente non è bene giudicare un disco o un libro dalla copertina. In questo caso, però, Crosby, Stills e Nash nello spazio che mangiano wrustel – è questa più o meno l'idea che suggerisce, sbaglio? – non si fanno prendere molto sul serio.
Che sia il punto più basso della loro discografia è fuor di dubbio, tuttavia non lo si può bollare come spazzatura punto e basta. Non sono tanto le canzoni ad affossare questo album, metà delle quali pregevoli (anche se spesso scritte in collaborazione o da terzi), ma la colpa è il sound.
Siamo tra il 1989 e il 1990 e al trio non è bastato lo scarso successo di American Dream (CSN&Y, 1988) per decidere di ritornare al sound trasparente che li caratterizzava ai bei tempi. No, Live In Up fa un passo in più nella direzione sbagliata (leggi sintetica) risultando molto peggio del suddetto American Dream. Col senno di oggi queste canzoni suonano alla stregua di una composizione in midi, non so se mi spiego. Fortunatamente CSN sono rinsaviti subito dopo, e nel 1994 li ritroveremo con il bello After The Storm (titolo quantomai azzeccato).
Un brano pregevolissimo, per esempio, è “House Of Broken Dreams” di Nash: si staglia nitidamente in mezzo agli altri ed è l'unico a non essere distrutto dalla veste sonora. Un'altra bella composizione è “Haven't We Lost Enough?” (“Non abbiamo perso abbastanza?” risposta: stavolta sì, decisamente) di Stills, la cui chitarra sembra suonata in una navicella spaziale, ma se facciamo lo sforzo di immaginarla dal vivo in formato chitarra + voce, diventa interessante. Meriterebbero una seconda chance “Yours And Mine” e “Arrows” (cantate da Crosby), “If Anybody Had A Heart” e “After The Dolphin” (Nash), “Tomboy” (Stills).
Nelle note all'interno dell’antologia Reflections, Nash racconta che il Dolphin (dell'omonima canzone) era un pub di Londra colpito dalle bombe della Prima Guerra Mondiale. “House Of Broken Dreams” deriva invece dal nomignolo dato da David Gilmour (Pink Floyd) alla casa al mare di Nash.
Sul resto, inclusa la title track (che richiama molto “American Dream”) si può benissimo sorvolare (e specialmente su “Got To Keep Open”, brano la cui oscenità equivale a quella della copertina). In definitiva, seppur lontani dalle emozioni dei '70 e dai nuovi, ottimi brani che verranno nei '90, qui CSN sarebbero stati comunque da due-tre stelline, purtroppo decimate dalla terrificante realizzazione. Per fortuna le canzoni migliori hanno avuto un'altra chance (anche se la versione è la stessa) nel contesto dei box-set antologici: “Arrows” è presente in Voyage di Crosby e ben tre di Nash sono presenti nel suo Reflections. Personalmente, quando le sentii per la prima volta pensai fossero buone quasi quanto tutto il resto (nonostante l’ostico sound anni '80). Il fatto che questi box set valorizzino la musica che contengono, in particolare quella meno famosa e più sparpagliata, è un valore importante che li rende un must (quindi optate per quelli piuttosto che acquistare Live It Up).
Matteo Barbieri, Rockinfreeworld (postato originariamente su BeatBlog2)