Featured Posts

Neil Young - Homegrown

Il celeberrimo album inedito del 1975, rimasto fino a oggi negli archivi, vede finalmente la luce in via ufficiale. 12 canzoni, tra inedite e prime versioni di brani già conosciuti, provenienti da un momento d'oro per il Canadese. Imperdibile!

Neil Young & Crazy Horse - Colorado

Il ritorno del Cavallo tra le nevi del Colorado. L'ultimo album mescola il grunge di protesta alle ballad intimistiche, regalando momenti di puro incanto.

Neil Young Archives

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia e contenuti esclusivi per gli iscritti.

martedì 27 luglio 2010

Billy Talbot Band: Alive In The Spirit World (2004)

di Salvatore Esposito Da Jam n.109

Chi conosce le potenti linee di basso e le dolci armonie dei Crazy Horse, apprezzerà di sicuro il suono eclettico e potente che sprigiona Alive In the Spirit World, primo ed attesissimo album della Billy Talbot Band. Billy Talbot come è ben noto a tutti i fan di Neil Young, è il bassista dei Crazy Horse e in passato è stato uno dei membri dei mitici Rockets, dalle cui registrazioni per questo disco ha recuperato alcuni passaggi assemblandoli con prove e sopratutto con alcune performance dal vivo. Al fianco di Talbot, che canta e suona varie chitarre nonchè la lead guitar su Rain Parade, troviamo il Crazy Horse, Matt Piucci, Jeff Chase al basso, Stephan Junca alla batteria, Erik Pearson alle tastiere keyboards, all'armonica e alle chitarre e Tommy Carns alle chitarre e al banjo. Registrato dal vivo in studio, durante i momenti liberi dai tour o dalle session con Neil Young, Alive In The Spirit World, alterna potenti brani rock come l'iniziale The Way Life Is, impreziosita da un armonica travolgente, a ballate eteree come Rainy Days e Painting of a Man. Al centro del disco risiedono due perle, due lunghe jam dai toni psichedelici, la rugginosa Security Girl e la sognante Dreamer, entrambe caratterizzate da un sound vintage molto caldo ed avvolgente dove la voce di Billy si muove con grande abilità. Da non perdere è la traccia multimediale bonus in cui è possibile vedere Billy, in studio con la band, alle prese con la steel guitar acustica in Dreamer. Insomma è un disco da non perdere che segna la completa realizzazione di questo grande strumentista da sempre all'ombra di Neil Young.
Voto 7,5: Un disco senza tempo dal moderno appeal rock ma per nulla lontano dalla tradizione.