Featured Posts

Neil Young & Crazy Horse - Toast

Registrato ai Toast Recording Studios di San Francisco nel 2001, questo album esce oggi per la prima volta. Tra garage-rock, blues e bossa-nova, Crazy Horse come non li avete mai sentiti.

Neil Young. Cercando il nuovo mondo

Risultato di 10 anni di attività di traduzione per NeilYoungTradotto.com e di un'ampia ricerca storico-bibliografica, il volume porta finalmente in libreria il percorso umano e musicale del canadese attraverso l'analisi delle sue lyrics.

Neil Young - Official Bootleg Series

Tre dischi live per immortalare tre concerti d'epoca: due del tour acustico 1971 più la storica serata al Bottom Line del 1974 con i brani di On The Beach mai sentiti prima.

Neil Young + Promise Of The Real - Noise & Flowers

Antologia di 14 brani live tratti dal tour 2019 insieme alla band dei figli di Willie Nelson, dedicato alla memoria dello scomparso Elliot Roberts, manager di una vita.

www.NeilYoungArchives.com

Il sito ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, video, concerti, foto, manoscritti, memorabilia, ma soprattutto contenuti inediti ed esclusivi per gli iscritti.

martedì 27 luglio 2010

No Nukes (1979) / A Tribute to Nicolette Larson (2006)

NO NUKES
da "100 Raccolte da Ricordare" di Mucchio Selvaggio
Questo è quel che si dice un simbolo degli anni 70, uno degli ultimi atti politici di cui il rock è stato capace e, in un certo senso, anche la prova della fine di un era. Il popolo del rock si trovò aggregato da una speranza di cambiamento e perfino dall'ambizione di potervi svolgere un ruolo attivo e determinante. Un'illusione in fondo. Il nucleare (non solo nel senso della bomba) avrebbe continuato a proliferare a dispetto dell'impegno di Jackson Brown, Graham Nash, Bonnie Raitt, principali promotori dei cinque concerti newyorkesi "for a non-nuclear future", cui aderirono con sprito cameratesco alcune reduci di quell'altra illusione spezzata dieci anni prima (Crosby, Stills & Nash, Jesse Colin Young), un paio di outsider neri (Gil Scott-Heron, Chaka Kham) e molta parte del mainstream più consapevole (Ry Cooder, Tom Petty, James Taylor, Poco, Dobbie Brothers). Nell'album in triplo vinile è raccolto un semplice campione di quel che accadde nelle cinque serate, am anche un pezzo basta a Bruce Springsteen per rubare la scena di acompagni di lotta: il medley da Mitch Ryder composto da Devil With The Blues Dress, Good Golly, Miss Molly e Jenny Take A Ride è una rasoiata micidiale, uno dei più grandi pezzi live della storia.


da  JAM

da Buscadero